Europa: approccio comune alla sicurezza 5G

Enisa vuole un risk assessment delle infrastrutture 5G nazionali, da combinare in una mappatura comunitaria delle minacce alla sicurezza 5G

Business Tecnologie/Scenari Normative
La Commissione Europea ha emanato una Raccomandazione che comprende le linee guida su come identificare e controllare i rischi per la sicurezza 5G. Ossia, in sintesi, le cyber minacce che possono colpire nelle varie nazioni UE le future reti di comunicazione mobile 5G. Una iniziativa che si pone nella scia delle diverse altre che la UE ha messo in atto per tutelare lo sviluppo del mercato 5G continentale.

Entro fine giugno di quest'anno le nazioni UE devono completare un loro risk assessment delle infrastrutture di rete 5G. Identificando gli elementi delle reti che risultano più "sensibili" per la sicurezza 5G. Nel senso che una loro violazione avrebbe conseguenze negative particolarmente importanti. "Tenuto conto della natura interconnessa e transnazionale delle infrastrutture digitali e della natura transfrontaliera delle minacce - spiega infatti la Commissione - le vulnerabilità delle reti 5G o gli attacchi informatici alle future reti di uno Stato membro colpirebbero l'Unione nel suo complesso".

Questa analisi preventiva serve a definire i requisiti di sicurezza che i vari operatori mobili devono soddisfare per la sicurezza 5G. Questo vale in particolare per gli operatori mobili che operano in più nazioni UE. caso per caso, quelle coinvolte dovranno collaborare per arrivare ad un risk assessment multilaterale, non solo dalle singole nazioni in autonomia.

L'agenzia per la sicurezza UE - Enisa - userà i dati dei vari risk assessment per delineare una mappatura delle minacce potenziali per la sicurezza 5G europea. Entro fine anno questa mappatura servirà a definire un insieme comune di misure di difesa da implementare a livello nazionale.

Politicamente questi risk assessment si collegano a una questione spinosa: il ruolo dei produttori tecnologici cinesi - Huawei in primis - nello sviluppo delle reti 5G di molte nazioni UE. In questo senso l'Unione Europea non è contro alcun produttore, sono gli Stati membri che "hanno il diritto di escludere dai loro mercati, per motivi di sicurezza nazionale, le imprese che non rispettano le norme e il quadro giuridico del paese", si spiega.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori