SecurityOpenLab

Più sicurezza per le PMI ferme a Windows 7

Microsoft apre anche alle PMI la strada del supporto a pagamento sino al 2023. Che resta una soluzione di ripiego.

Non è una apertura al supporto quasi indefinito di Windows 7. E non sembra nemmeno una decisione che Microsoft ha preso poi così volentieri. Ma per molte piccole-medie imprese potrebbe essere un aiuto in più, in attesa di una vera migrazione a Windows 10. Parliamo della apertura alle aziende di qualsiasi dimensione degli Extended Security Update, o ESU. Una forma di supporto esteso che permette di avere patch di sicurezza per i sistemi Windows 7 sino a fine 2022.

Ha senso supportare Windows 7 ancora a lungo? Alcuni numeri indicano di sì, perché la sua diffusione è ancora rilevante. Ad esempio, secondo i dati NetMarketShare dello scorso settembre, il traffico web generato da desktop Windows 7 è stato pari al 28 percento circa del traffico web globale. Rispetto, per fare un paragone, al 52 percento di Windows 10.

Si stima che una fetta importante dei sistemi Windows 7 sia nelle imprese di piccole e medie dimensioni. Che non eseguono aggiornamenti a Windows 10 perché non ne sentono la necessità, per non cambiare il loro hardware o perché usano vecchie applicazioni che non sono aggiornabili per Windows 10.
windows 7Il problema è che il 14 gennaio 2020 scadono i cinque anni di supporto esteso previsti da Microsoft per Windows 7. Oltre questa data l'unico modo per avere patch gratuite e regolari di sicurezza per il vecchio OS sono gli Extended Security Update. Che sono - o meglio, erano - validi sino a gennaio 2023 ma solo per le imprese con Windows 7 Professional e Windows 7 Enterprise in Volume Licensing. Quindi per le grandi aziende.

Ora Microsoft deve aver concluso che il problema di Windows 7 è più critico del previsto per le piccole e medie realtà. Ha infatti deciso di estendere la disponibilità - a pagamento, con un canone annuale progressivamente crescente - degli ESU alle aziende di qualsiasi dimensione. Resta la necessità di rivolgersi ad un partner Microsoft, perché la nuova iniziativa rientra nel programma Cloud Solution Provider (CSP).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 02/10/2019

Tag: microsoft patch windows 7 windows



Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy