SecurityOpenLab

Bosch pensa alla sicurezza delle auto elettriche

In caso di incidente, le batterie delle auto elettriche sono un fattore di rischio. Piccole esplosioni guidate riducono il pericolo di shock e incendi.

Sempre più auto elettriche ed ibride circolano sulle nostre strade, il che è certamente un bene per l'ambiente. E anche per lo sviluppo di nuovi modelli di mobilità urbana. Ma questa evoluzione comporta anche nuovi problemi in caso di incidenti. Il rischio, anche minimo, è che in caso di una collisione che vede coinvolto un veicolo elettrico , le sue batterie si trovino collegate in qualche modo alla carrozzeria.

In uno scenario del genere la corrente dalle batterie - progettate per fornire una tensione anche di 800 volt - rappresenta un rischio per le persone. Sia per chi è a bordo dei veicoli coinvolti nell'incidente, sia per i soccorritori. Per evitare questo rischio è necessario interrompere immediatamente il flusso di corrente all'interno della vettura, non appena i suoi sistemi di sicurezza percepiscono una collisione.

Bosch ha progettato alcuni chip di piccole dimensioni - non più di uno o due centimetri quadrati - che svolgono questa funzione in maniera "pirotecnica". I semiconduttori controllano una rete di interruttori di sicurezza collegati all'impianto elettrico. Nello specifico, alla parte connessa alle batterie ad alto voltaggio. Gli interruttori contengono pirofusibile e, se attivati, generano vere e proprie micro-esplosioni che interrompono il flusso di corrente.

Secondo Bosch, questa interruzione "drastica" dei collegamenti elettrici dà la garanzia di isolare immediatamente le batterie e l’elettronica di potenza dai componenti di una vettura che possono essere conduttori di corrente. Questo riduca al minimo il rischio di shock elettrico per le persone o di incendio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 03/10/2019

Tag: bosch mobility


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore