SecurityOpenLab

Bosch pensa alla sicurezza delle auto elettriche

In caso di incidente, le batterie delle auto elettriche sono un fattore di rischio. Piccole esplosioni guidate riducono il pericolo di shock e incendi.

Sempre più auto elettriche ed ibride circolano sulle nostre strade, il che è certamente un bene per l'ambiente. E anche per lo sviluppo di nuovi modelli di mobilità urbana. Ma questa evoluzione comporta anche nuovi problemi in caso di incidenti. Il rischio, anche minimo, è che in caso di una collisione che vede coinvolto un veicolo elettrico , le sue batterie si trovino collegate in qualche modo alla carrozzeria.

In uno scenario del genere la corrente dalle batterie - progettate per fornire una tensione anche di 800 volt - rappresenta un rischio per le persone. Sia per chi è a bordo dei veicoli coinvolti nell'incidente, sia per i soccorritori. Per evitare questo rischio è necessario interrompere immediatamente il flusso di corrente all'interno della vettura, non appena i suoi sistemi di sicurezza percepiscono una collisione.

Bosch ha progettato alcuni chip di piccole dimensioni - non più di uno o due centimetri quadrati - che svolgono questa funzione in maniera "pirotecnica". I semiconduttori controllano una rete di interruttori di sicurezza collegati all'impianto elettrico. Nello specifico, alla parte connessa alle batterie ad alto voltaggio. Gli interruttori contengono pirofusibile e, se attivati, generano vere e proprie micro-esplosioni che interrompono il flusso di corrente.

Secondo Bosch, questa interruzione "drastica" dei collegamenti elettrici dà la garanzia di isolare immediatamente le batterie e l’elettronica di potenza dai componenti di una vettura che possono essere conduttori di corrente. Questo riduca al minimo il rischio di shock elettrico per le persone o di incendio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 03/10/2019

Tag: bosch mobility



Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy