Google rivela il più potente attacco DDoS della storia: 2,5 Tbps

Google rivela che nel 2017 ha affrontato un attacco DDoS da 2,5 Tbps. Sono state usate diverse tecniche, ma alla fine le soluzioni di contenimento hanno avuto la meglio.

Business Vulnerabilità
Un attacco DDoS di ampia portata può bloccare le attività di un'azienda. In alcuni casi si possono prevenire, in altri si possono gestire. Lo dimostra un evento accaduto a Google: l'infrastruttura ha dovuto fronteggiare un attacco DDoS da 2,5 Tbps.

Sarebbe questo quindi, e non quello di AWS da 2,3 Tbps, l'attacco record della storia. L'evento si è verificato a settembre 2017, al culmine di una campagna di sei mesi. Google però ha rivelato quanto accaduto solo alla fine della scorsa settimana, all'interno di un post generico sugli attacchi distribuiti.

Il Security Reliability Engineer Damian Menscher racconta che i cyber criminali hanno preso di mira contemporaneamente migliaia di IP Google, forse nella speranza di superare le difese automatizzate. Sono stati messi in campo diversi metodi d'attacco: diverse reti per eseguire lo spoofing di 167 milioni di pacchetti al secondo, a 180.000 server CLDAP, DNS e SMTP esposti, che generavano grandi quantità di traffico.

ddos
Nonostante l'impegno, l'attacco non ha avuto alcun impatto. Questo attacco dimostra i volumi che si possono raggiungere con un singolo attacco. Nella fattispecie, quello raccontato da Menscher era quattro volte più grande dell'attacco da 623 Gbps sferrato l'anno precedente dalla botnet Mirai. Era stato talmente devastante da mettere in ginocchio servizi quali Twitter, Spotify, Github, Reddit e AirBnB. Tutt'oggi, nonostante la vicissitudine di AWS, rimane l'attacco con la larghezza di banda più ampia che sia stato registrato.

L'occasione ha altresì permesso a Google di segnalare migliaia di server vulnerabili ai loro provider di rete, e a fornire a questi ultimi le indicazioni utili per tracciare l'origine dei pacchetti in modo che potessero filtrarli.

Google ha colto l'occasione per sottolineare anche l'efficacia delle soluzioni di protezione cloud nell'assorbire attacchi DDoS di grandi dimensioni. La scalabilità e il bilanciamento del carico possono filtrare automaticamente molti tipi di attacchi di questo tipo, come per esempio quelli di amplificazione UDP, che vengono eliminati automaticamente.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori