Fastweb: aumentano gli attacchi ma anche la consapevolezza dei rischi

L’analisi dei dati collezionati dall’infrastruttura Fastweb rivela che malware e botnet sono cresciuti nel 2021, ma le aziende si sono complessivamente difese meglio.

Tecnologie/Scenari

In concomitanza con il Rapporto Clusit 2022, come da tradizione è intervenuta Fastweb per presentare i propri dati sugli attacchi cyber registrati in Italia nell’anno precedente. Mirco Santocono, Manager of Product Marketing di Fastweb è partito dal dato generale: il cybercrime è cresciuto, ma all’avanzata si è contrapposta una maggior efficacia delle misure di difesa, per chi le ha messe in campo. Questo cambiamento importante rispetto al 2020 è stato innescato dalla progressiva consapevolezza dei rischi, dovuta a un maggior utilizzo degli strumenti digitali e che ha avuto come conseguenza maggiori investimenti in area security, ivi compresi i programmi strutturati di formazione.

Dall’analisi dei dati collezionati dall’infrastruttura di rete Fastweb sono emersi oltre 42 milioni eventi di security, con aumento del 16% rispetto al 2020. In compenso, i servizi critici esposti su Internet sono diminuiti della stessa percentuale, a conferma del fatto che le linee di difesa sono aumentate.

Come riscontrato anche da Clusit, sono cresciuti malware e botnet, con un incremento del 58% delle macchine compromesse. Fra le infezioni da portare in evidenza c’è la penetrazione mobile con malware quali ad esempio FluBot per dispositivi Android che si è piazzato solidamente in prima posizione.


Sul fronte della distribuzione geografica, aumentano gli attacchi provenienti dai server in Europa. Non è inatteso come dato, dato che per essere compliant con le normative i player cloud nazionali e internazionali hanno dovuto aprire datacenter in Europa. Notoriamente è dai data center che parte numero importante di attacchi, quindi il dato non stupisce. Tuttavia, indica che dobbiamo difenderci indipendentemente dalla provenienza geografica.

Passiamo agli attacchi DDoS: nel 2021 il SOC di Fastweb ha rilevato 2500 eventi e gestito 18.000 anomalie. Hanno riguardato principalmente finance e PA, ma è salito fra i settori più colpiti il settore industriale, che ha registrato l’aumento maggiore del 2021, passando dal 7 al 18%. Fastweb segnala inoltre che l’Italia è salita al terzo posto per provenienza degli attacchi applicativi, in cui rientrano gli attacchi SQL Injection e Cross Site Scripting.

Da quest’anno Fastweb traccia poi gli attacchi email. Gli URL malevoli sono cresciuti dell’11%, ma il vettore principale di attacco resta il credential phishing.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 03
Exclusive Tech Experience 2022 - Milano
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 08
Exclusive Tech Experience 2022 - Roma

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter