Esperti di sicurezza e cyber igiene: non ci siamo

A dispetto della consapevolezza dei rischi informatici e della conoscenza delle best practice, gli esperti di sicurezza a volte danno un pessimo esempio di rispetto delle regole di base per la sicurezza.

Business Tecnologie/Scenari
Il 48% dei responsabili aziendali di cyber security utilizza il proprio computer di lavoro per motivi personali e per accedere alle piattaforme di social network. Di questi, il 77% è disposto ad accettare richieste sui social da parte di persone che non conosce. Il 24% usa la stessa password per attività lavorative e personali e il 45% si connette a reti al Wi-Fi pubbliche senza usare una VPN.

È il desolante scenario emerso dal sondaggio Cyber Risk in Today's Hyperconnected World condotto da Constella Intelligence, interpellando oltre 100 leader globali della sicurezza informatica in differenti settori. Il risultato è preoccupante perché in genere quando si elencano le regole di cyber hygiene si pensa che possano essere utili solo a persone a digiuno di nozioni sulla cyber security.

Invece è proprio chi le regole le conosce benissimo, e dovrebbe trasmetterle a colleghi, amici e familiari, a trasgredirle. Questo è solo un elemento di preoccupazione. L'altro è che proprio per la posizione che occupano in azienda, queste persone sono più esposte di altri ai cyber rischi. Lo confermano i numeri: il 74% del campione ammette di essere stato preso di mira in un attacco di phishing o vishing negli ultimi 90 giorni. Il 34% è stato oggetto di un attacco di impersonificazione del CEO.
one in every 142 passwords is 123456 new research shows

Un grave problema


Davanti a questi dati qualcuno potrebbe sorridere. Il divertimento finisce ben presto, perché quando un'azienda si blocca per un cyber attacco, poco importa che l'errore fatale sia stato commesso da uno stagista o da un responsabile della sicurezza informatica. Tutti dovrebbero impegnarsi al meglio delle proprie possibilità per fare che l'errore non si verifichi. Quando questo non accade, è un problema.

Soprattutto in un momento storico come questo, in cui gli attacchi si moltiplicano a vista d'occhio. Milioni di aziende stanno investendo in formazione per insegnare anche all'ultimo assunto l'importanza di tenere comportamenti sicuri. È inaccettabile che ad abbassare la guardia sia chi questi comportamenti li conosce bene.  

Oltre ai dati indicati sopra, ce ne sono altri che fanno rabbrividire. Il 39% dei leader di cyber security intervistati non ha cambiato le password dell'email aziendale negli ultimi 30 giorni. Pur sapendo che i dirigenti aziendali sono i più soggetti agli attacchi informatici, il 28% degli intervistati non ha adottato alcuna misura di sicurezza speciale per proteggerli. E più della metà non ha alcuna policy per monitorare le minacce contro la reputazione del marchio. Sicuramente per questi utenti non è il caso di ripassare le regole, che sono ben note. Basterebbe fare lo sforzo di applicarle.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Set 30
Webinar Kaspersky - Guai con i ransomware? Volete essere flessibili ma al riparo da attacchi informatici?
Ott 05
VMworld 5-7 ottobre 2021
Ott 12
Webinar Zyxel - Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida"

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori