SecurityOpenLab

Ransomware ai danni delle PMI: costi in crescita del 200%

Una ricerca condotta da Datto rivela l'aumento degli attacchi ransomware e dei costi di interruzione dei servizi, che ora è 23 volte superiore alla richiesta di riscatto.

Gli attacchi di ransomware, già additati come principale minaccia del 2019, non accennano a smorzarsi. Una nuova analisi si concentra sui costi alle aziende causati da queste minacce informatiche. Comportano blocchi delle attività con costi e danni ingenti in termini di produttività, oltre che di reputazione.

A fare i conti dei danni è Datto, produttore di soluzioni per Managed Service Provider, nella relazione annuale "Global State of the Channel Ransomware Report". L'indagine ha coinvolto oltre 1.400 MSP, tra responsabili e decision maker, che gestiscono i sistemi IT di piccole e medie imprese. Emerge che la crescente frequenza degli attacchi ransomware nel 2019 ha portato a un aumento dei costi pari al 200% rispetto allo scorso anno.
datto7Il ransomware è un tipo di malware che rende inaccessibili i dati finché non viene corrisposto il pagamento di un riscatto. Sono prese di mira aziende di ogni dimensione, ma le PMI sono diventate il principale obiettivo dei criminali informatici.

Secondo i dati raccolti da Datto, l'85% degli MSP segnala attacchi contro le PMI negli ultimi due anni. Il dato è in aumento rispetto al 79% riferito nel 2018. Nonostante i dati, non tutti percepiscono il ransomware come minaccia. L'89% degli MSP afferma che il ransomware dovrebbe mettere le PMI in una posizione di allerta. Solo il 28% degli MSP dichiara consapevolezza e preoccupazione da parte delle PMI.

Preoccupazione o meno, il costo del ransomware è ingente. Il 64% degli MSP segnala perdite da mancata produttività da parte dei clienti (PMI). Il 45% segnala tempi di inattività potenzialmente pericolosi per il business. Il costo medio di un downtime è 141.000 dollari, in aumento di oltre il 200% rispetto al tempo medio di interruzione dello scorso anno, pari a 46.800 dollari.

Altro dato rilevante è che il costo dei tempi di inattività è 23 volte superiore alla richiesta media di riscatto, pari a 5.900 dollari.
datto6Per difendersi, la soluzione più efficace resta il Business Continuity e Disaster Recovery (BCDR). Secondo il 95% degli MSP, i clienti con soluzioni BCDR attive hanno meno probabilità di subire significativi fermi in caso di attacco. Per quattro MSP su cinque i clienti dotati di strumenti BCDR che hanno subito attacchi si sono ripresi in massimo 24 ore.

Il problema del downtime, infatti, è che la criticità aumenta quanto più si allungano i tempi di ripresa. È quindi vitale disporre di strumenti per affrontare un blocco e far ripartire i sistemi in tempi brevi. La proposta di Datto per le PMI comprende la soluzione di backup Datto BDR, e la piattaforma cloud Datto RMM per gestire il parco macchine.

In Italia l'adozione di queste soluzioni, distribuite da Achab, è ampia. All'evento europeo DattoCon 19 erano presenti 30 esponenti del Belpaese. Due sono stati premiati come migliori MSP: Kartenia e Sinergy Studio, entrambi partner di Achab.

Andrea Veca, CEO di Achab, commenta: “oggi gli MSP si trovano in una posizione unica per educare le PMI su come proteggersi da un attacco. I tempi di inattività dell'IT possono paralizzare una piccola impresa, è fondamentale avere un approccio proattivo alla sicurezza informatica. Proteggere i clienti SMB da attacchi come il ransomware richiede una comprensione della loro attività. Oltre a una preparazione dettagliata e al giusto mix di tecnologie. Man mano che gli attacchi ransomware continuano ad aumentare di frequenza e raffinatezza, lavoreremo a stretto contatto con gli MSP. E con i partner come Datto per ridurre sia il rischio che l'impatto di un attacco.”

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 27/11/2019

Tag: cyber security malware ransomware pmi


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore