Data breach ai danni di Marriott: 5,2 milioni di clienti interessati

Scoperto un data reach ai danni di Marriott International che ha coinvolto 5,2 milioni di clienti. Sarebbe avvenuta a gennaio ed è stata scoperta dopo un mese.

Business Tecnologie/Scenari Vulnerabilità
Marriott International ha subito una nuova violazione dei dati a metà gennaio 2020, che ha interessato circa 5,2 milioni di ospiti. È il secondo furto di dati ai danni della catena alberghiera, dopo quello scoperto nel 2018 che aveva coinvolto 500 milioni di clienti. La violazione, identificata alla fine di febbraio 2020, risalirebbe a metà gennaio 2020.

Stando alle informazioni ufficiali diffuse questa settimana, i cyber criminali avrebbero avuto accesso a un'applicazione usata per fornire servizi agli ospiti degli hotel in franchising. Dopo avere compromesso le credenziali di accesso di due dipendenti, le avrebbero usate per entrare in possesso dei dati personali dei clienti, fra cui dati anagrafici, programmi fedeltà, preferenze di compagnie aeree, soggiorno e lingua. Gli ospiti coinvolti sarebbero circa 5,2 milioni.

Un portavoce di Marriott International precisa che le indagini sono in corso, e che allo stato attuale non risulta che il furto abbia interessato password o PIN degli account Marriott, né informazioni su carte di credito, passaporti o ID di altri documenti.
Le violazioni dei dati più devastanti del 21° secolo hanno interessato milioni di utenti. Ecco quelle più gravi della memoria recente.
L'azienda ha già provveduto a informare i clienti interessati e a cambiare le password del servizio compromesso. Gli esperti di sicurezza tuttavia allertano sul fatto che le informazioni di cui sono entrati in possesso i cyber criminali sono una buona base da cui partire per perpetrare crimini informatici. In primis per scatenare campagne di phishing mirate.

Alcuni esperti di sicurezza hanno sottolineato mancanze nell'applicazione delle regole base della sicurezza, come l'autenticazione a due fattori e il monitoraggio dell'attività degli account utente. Entrambi avrebbero impedito la violazione o se non altro ne avrebbero ridotto drasticamente la portata.

Unica nota positiva è che il team di sicurezza di Marriott sembra aver ridotto il tempo di permanenza dell'attaccante a poco più di un mese. L'ultima volta la permanenza dei cyber criminali in rete si protrasse per oltre due anni.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition
Dic 16
Emergenza aziende connesse e remote. Come battere sul tempo errori umani e hacker

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori