Fase 2 dell'emergenza: un sensore per tornare al lavoro

Engeneering propone un sensore indossabile che aiuterà i lavoratori in azienda a mantenere le distanze.

Business Sicurezza fisica
In un futuro vicino l'Italia passerà alla "fase due" della gestione dell'emergenza COVID-19. Consisterà in un periodo di transizione in cui si potranno riprendere le attività produttive, nel rispetto di precise condizioni di sicurezza. All'interno delle aziende, questo comporterà la definizione di protocolli per il distanziamento sociale, in tutela della salute dei lavoratori.

Come si farà ad essere certi di rispettare i limiti, pur tornando all’efficienza produttiva? L'azienda Engeneering propone la soluzione tecnologica Smart Proximity. Prevede che tutti i lavoratori indossino un sensore smart soprannominato Proximity Sensor, che segnali a ciascuno la distanza che intercorre con i colleghi.
image001Si tratta di un indossabile che può essere sottoforma di un bracciale o di un altro tipo di supporto, in funzione delle necessità lavorative. Comunica tramite rete Wi-Fi o Bluetooth e si relaziona con la rete di sensori analoghi nelle vicinanze, con cui scambia costantemente informazioni di prossimità. Questo permette un'azione in tempo reale: qualora la distanza si "accorciasse" troppo, scatterebbe l'avviso. I sensori dei dipendenti troppo vicini vibrano, suonano o emettono segnali a LED.  

Non è una punizione e l'attivazione dell'allarme non richiede alcun intervento: basta aumentare la distanza e gli avvisi si interrompono. Engeneering sottolinea che il raggio di azione del sensore è di 1,5 metri e che il margine di errore è nell'ordine dei 10 centimetri.
Lo Speciale di SecurityOpenLab dedicato alla cyber security durante l'emergenza coronavirus
È previsto anche un centro di raccolta di tutti i dati collezionati da tutti i sensori presenti in azienda. Saranno a disposizione per tutte le analisi del caso. Compresa l'evenienza che un dipendente contragga il coronavirus: analizzando i dati si potranno individuare tempestivamente tutti coloro che gli sono stati vicini. Per lo stesso motivo, i dati sono compatibili con i sistemi di monitoraggio del Servizio Sanitario Nazionale.

Ovviamente una soluzione di questo tipo richiede una corretta gestione della privacy. Il produttore rassicura circa il fatto che il sistema è stato implementato in modo che tutte le informazioni sensibili restino all'interno della piattaforma.
distanziamentoIn particolare, vengono salvati solo gli identificativi univoci del sensore e le relazioni temporali tra un sensore e l'altro. I dati sono in forma rigorosamente anonima, quindi non c'è associazione con i dati dell’utente. Inoltre, le informazioni che vengono temporaneamente archiviate nel sensore sono crittografati e le informazioni viaggiano su un canale sicuro.

Ai lavoratori che indosseranno il sensore sarà richiesto di accordare il consenso al recupero delle informazioni di relazione temporale anonime del proprio sensore.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Nov 25
IDC Digital Forum: Multicloud 2020
Nov 26
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori