Ripartenza e Fase 2 tra distanziamento e controllo temperature

Molte imprese dovranno valutare il controllo degli accessi e della temperatura delle persone. Checkpoint Systems suggerisce di estendere le esperienze maturate nel Retail.

Business Sicurezza fisica
Le imprese sono davanti alla possibilità della ripartenza nella Fase 2 della pandemia. Ma devono anche affrontare un problema rilevante: riorganizzare i propri processi perché siano sicuri. Questo oggi significa molte cose. Ma principalmente sanificazione frequente, distanziamento dei dipendenti, controllo frequente della temperatura corporea. Un elemento, quest'ultimo, da concretizzare senza che diventi troppo invasivo.

Secondo Checkpoint Systems, in questa Fase 2 molte imprese avranno da imparare dalle soluzioni già adottate nel mondo Retail. Dove il controllo delle presenze, degli accessi e del movimento delle persone è già stato affrontato da tempo. Anche perché il Retail ha subìto sì alcune limitazioni. Ma è anche uno dei pochi settori che non si è completamente fermato. E quindi ha già preso alcune contromisure anti-contagio. Che possono essere estese altrove.

"I retailer hanno già iniziato da tempo a limitare il numero di clienti presenti contemporaneamente all'interno di un punto vendita", spiega Alberto Corradini, Business Unit Director Italy di Checkpoint Systems. Le esperienze fatte in questo senso possono così "essere un utile riferimento globale". Corradini fa ovviamente riferimento alle soluzioni specifiche di Checkpoint Systems, ma gli approcci con cui queste sono adottate è ampiamente generalizzabile.

christian deknock retail unsplashIl distanziamento nel Retail avviene mediante il contingentamento degli ingressi. Checkpoint Systems ha una sua soluzione - SmartOccupancy - che lo rende possibile attraverso una serie di sensori integrati nei varchi d'ingresso. "I sensori conteggiano in tempo reale entrate e uscite e generano alert visivi ed acustici al raggiungimento di soglie preimpostate", spiega Corradini. Gli addetti al controllo degli ingressi possono visualizzare i dati raccolti dal sistema direttamente su un tablet. Le informazioni sono gestibili anche attraverso una console centralizzata.

Il controllo degli ingressi si collega, per molte aziende "in ripartenza", al controllo delle temperature corporee. Farlo manualmente è la strada più semplice ma anche la meno comoda. Meglio farlo in automatico utilizzando sensori e termocamere.

Checkpoint Systems ha un sistema - SmartTemperature - in grado di rilevare a distanza la temperatura di una persona anche all'interno di un gruppo. Si basa su sensori termografici che hanno un raggio d'azione massimo di tre metri. Le informazioni raccolte ed elaborate, grazie anche ad algoritmi di machine learning, generano alert in caso si rilevino condizioni anomale.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori