Turck Banner: più controllo accessi nella Fase 2

Turck Banner ha sviluppato una soluzione integrata per il controllo accessi negli spazi comuni

Sicurezza fisica
Nella Fase 2 post-pandemia molte aziende hanno la necessità di controllare e contingentare gli accessi ad aree comuni. Una necessità di controllo accessi sentita in molti scenari, anche molto diversi fra loro. Dal controllo dei dipendenti in un impianto produttivo alla gestione degli ingressi in un negozio. L'obiettivo, per tutti, è garantire le corrette distanze di sicurezza tra persone.

Il controllo accessi è un problema concettualmente semplice che può avere soluzioni complesse. Turck Banner Italia ne propone una che mette insieme, in maniera sinergica, diversi componenti già adottati in ambito industriale e nelle applicazioni di logistica.

Il cuore del sistema è il modulo di controllo DXM-1200, un dispositivo wireless per uso industriale sviluppato per applicazioni in stile Industrial IoT. Qui il suo compito principale è contare gli ingressi e le uscite da uno spazio, come un ufficio o un esercizio pubblico. Il rilevamento degli ingressi e delle uscite avviene attraverso specifici sensori. A seconda delle specifiche necessità di controllo accessi, questa parte centrale del sistema può avere varie configurazioni.
Lo Speciale che ImpresaCity dedica all'utilizzo delle tecnologie nella Fase 2 post-Covid
Il modulo principale di controllo accessi è poi collegato ad alcuni indicatori visuali. Come indicatori industriali a cupola o torrette luminose. Sono gli stessi dispositivi di avviso usati nelle soluzioni di pick-to-light. Qui indicano invece il raggiungimento o meno del limite massimo di capienza di un locale. La soluzione più semplice è usare il classico codice colore verde-giallo-rosso. Un cambio di colore dal verde al giallo e al rosso indica il divieto di ingresso fino a quando il sensore in uscita avrà registrato uno o più passaggi.

Turck Banner Italia sottolinea che la soluzione così progettata offre diversi vantaggi. In particolare, è di facile implementazione e ha bisogno di una supervisione manuale minima. Permette poi di ricevere statistiche sui dati rilevati dal sistema controllo accessi. Informazioni potenzialmente utili per ottimizzare ulteriormente il flusso delle persone nei locali.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Speciale

Coronavirus e sicurezza: proteggersi dal contagio digitale

Speciale

World Backup Day 2020: i consigli per tenere al sicuro i dati

Speciale

Soluzioni anti intrusione per la casa e l'ufficio

Calendario Tutto

Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori