G7 invita la Russia a smantellare i gruppi ransomware

I partecipanti al G7 esortano la Russia a muoversi attivamente per smantellare i gruppi ransomware che operano sul suo territorio.

Normative
I paesi partecipanti al vertice del G7 tenutosi a Carbis Bay, in Cornovaglia, hanno invitato la Russia e altri Stati a smantellare le operazioni dei gruppi ransomware che operano all'interno dei loro confini. All'incontro hanno preso parte il Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il Presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier britannico Boris Johnson, il premier italiano Mario Draghi, quello canadese Justin Trudeau, il Presidente americano Joe Biden e il Primo Ministro giapponese Yoshihide Suga.

L'invito a prendere provvedimenti concreti contro i gruppi criminali è la diretta conseguenza dei recenti attacchi ransomware che hanno preso di mira aziende e infrastrutture negli Stati Uniti e in Europa, come quelli contro Colonial Pipeline e JBS.

Nella dichiarazione ufficiale i partecipanti si impegnano "a lavorare insieme per affrontare con urgenza l'escalation della minaccia condivisa dalle reti criminali ransomware. Chiediamo a tutti gli Stati di identificare e interrompere con urgenza i gruppi criminali ransomware che operano dall'interno dei loro confini e di ritenere tali reti responsabili delle loro azioni. In particolare, chiediamo alla Russia […] di identificare, interrompere e chiamare a rendere conto coloro che, all'interno dei suoi confini, conducono attacchi ransomware, abusano di valuta virtuale per riciclare riscatti e perpetrano altri crimini informatici".
ransomware
I membri del G7 inoltre hanno sottolineato l'importanza della collaborazione per aumentare la sicurezza delle supply chain, sempre più oggetto di attacco informatico, come nel caso di Solar Winds. Importante è inoltre il riconoscimento del ruolo fondamentale che le infrastrutture di telecomunicazione, tra cui il 5G e le future tecnologie di comunicazione, svolgono e svolgeranno nel sostenere la più ampia infrastruttura digitale e ICT.

Tutti i presenti al convegno concordano anche circa il fatto che le infrastrutture critiche sono particolarmente esposte agli attacchi della supply chain, per i membri del G7 mirano a promuovere supply chain, telecomunicazioni e infrastrutture ICT sicure, resilienti, competitive, trasparenti e diversificate.

Questa presa di coscienza è un ottimo punto di partenza. Non tutti i Paesi partecipanti al vertice dispongono dello stesso livello di resilienza e di protezione delle infrastrutture critiche. L'Italia, in concomitanza con il G7, ha dato il via libera all'Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale (ACN).
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori