▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Italia: attacco cyber russo politicamente motivato

Diversi siti istituzionali e di aziende italiane sono stati presi di mira da un attacco DDoS rivendicato da un gruppo filorusso, nel giorno in cui il premier Meloni era in visita a Kiev.

Tecnologie/Scenari

Era telefonato l’attacco che nella giornata di eri ha colpito diverse istituzioni italiane quali i siti del Ministero degli Esteri, del Viminale e delle Politiche Agricole, il portale per il rilascio della carta d'identità elettronica e dei Carabinieri. Fra le aziende cadute nel mirino degli attaccanti si annoverano invece l’istituto bancario Bper, l’azienda di utility A2a e il gruppo Tim.

Dicevamo telefonato, perché si è verificato nella giornata in cui il premier italiano Giorgia Meloni si è recata in Ucraina per esprimere l’appoggio a Kiev e a Zelensky e rendere omaggio alle vittime di Bucha. Una posizione non certo gradita ai tanti gruppi filorussi che dallo scoppio della guerra scatenano attacchi DDoS contro i paesi che non condividono la politica putiniana. Forse proprio perché la rappresaglia cyber era scontata, le difese hanno retto e non si sono verificati problemi di down come quelli occorsi lo scorso anno a seguito degli attacchi rivendicati da Killnet.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative


A questo giro non è stato Killnet a mettere la firma sull’attacco ma un altro gruppo che opera all’ombra del Cremlino, noto come NoName 057(16), attivo dall’inizio del conflitto armato in Ucraina. I suoi esponenti hanno pubblicato la rivendicazione sui canali Telegram, facendo riferimento alla fornitura di armi all’Ucraina da parte dell’Italia e annunciando peraltro attacchi in arrivo.

Purtroppo nulla di quanto accaduto è straordinario nel quadro geopolitico attuale. Clusit ha segnalato, nel suo ultimo Rapporto, il ritorno di espionage e cyber warfare a seguito della situazione in Ucraina. Gli attacchi DDoS rientrano in tale contesto, pur essendo fra le attività meno pericolose con cui avere a che fare: sono più altro attacchi dimostrativi e non distruttivi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter