▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Resilienza: la maggior parte delle aziende si sente inadeguata

Il 53% degli executive reputa inadeguato il livello di resilienza della propria azienda. SAS fornisce un tool di auto valutazione

Business Tecnologie/Scenari

Complice il fatto che è terminato il tempo di chiedersi “se” si verrà attaccati ed è tempo di chiedersi “quando” questo accadrà, la resilienza è diventata il punto di riferimento per la tenuta della cybersecurity di imprese pubbliche e private di qualsiasi dimensione. È un concetto su cui l’Europa e il World Economic Forum puntano, ma sul quale l’Italia è tutt’altro che allineata. Il Belpaese è in buona compagnia: SAS ha condotto uno studio intervistando 2.414 executive di diverse aziende in Brasile, Francia, Germania, India, Giappone, Regno Unito, Benelux, Iberia e Stati Uniti interrogandoli sulle loro prospettive sul livello di resilienza aziendale. Il risultato è che il 53% ritiene insufficiente il livello di resilienza della propria azienda, nonostante il 97% ne riconosca l’importanza.

Forse per questo l'80% del campione prevede di investire in strategie di resilienza quest'anno e il prossimo. Infatti, dai dati raccolti risulta che circa la metà (46%) degli intervistati ammette di non avere sufficienti strumenti per affrontare periodi di instabilità e sfide come la sicurezza dei dati (48%), la produttività (47%) e l'innovazione tecnologica (46%). La questione vera è dove dirigere gli investimenti.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative


A questo proposito SAS evidenzia cinque principi fondamentali su cui è necessario focalizzare l’attenzione: Velocità e agilità, Innovazione, Equità e responsabilità, Cultura dei dati e data literacy e in ultimo Curiosità. La ricerca chiarisce che gli alti livelli di resilienza si ottengono investendo su tutti e cinque i fronti: quasi tutte le realtà con alti livelli di resilienza (96%) utilizzano dati interni ed esterni e analytics per guidare i processi decisionali aziendali, il che è fondamentale per affrontare i cambiamenti e garantire continuità al business. In queste realtà, gli executive dichiarano di implementare strumenti data-driven in misura maggiore rispetto alle loro controparti meno resilienti (93% contro il 22% di quelli con bassi livelli di resilienza).

Per aiutare le aziende, SAS ha lanciato il Resiliency Assessment Tool, uno strumento gratuito che consente a chiunque di effettuare la propria valutazione aziendale e pianificare nuove strategie di resilienza. Questo strumento, insieme alle best practice delle realtà con alti livelli di resilienza contenute nel report, fornisce indicazioni pratiche per promuovere una maggiore resilienza aziendale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter