SecurityOpenLab

Dalla città intelligente alla Safe City

La sicurezza è un elemento critico nella gestione dei grandi agglomerati urbani e richiede un approccio mirato. Ecco perché nasce il concetto di Safe City.

Si parla ormai da tempo di Smart City, le cosiddette città intelligenti, ma l’aumento della densità della popolazione e delle criticità ad esso correlata hanno portato negli ultimi anni all’elaborazione del concetto di Safe City.

Il richiamo alla sicurezza è pressoché immediato, ma va sicuramente inteso in una relazione biunivoca tra città e cittadino. Se da un lato infatti riguarda i servizi messi in atto dalle Pubbliche Amministrazioni per fronteggiare e prevenire situazioni di rischio e di pericolo, dall’altro una città può davvero dirsi “safe” solo nel momento in cui questi stessi servizi sono in grado di trasmettere al cittadino una percezione di sicurezza. E non è così scontato che realtà e percezione della realtà vadano di pari passo.

Sicuri vuol dire informati

Quello di “safe city” è poi un concetto che non può essere legato semplicemente alla capacità delle Pubbliche Amministrazioni di gestire situazioni critiche particolari, come ad esempio atti terroristici o situazioni di emergenza ambientale.

Un cittadino si sente sicuro nel momento in cui conosce la realtà in cui vive, anche solo temporaneamente, da turista: ha gli strumenti per sapere dove si trova all’interno della città, che sta per scatenarsi un forte temporale, che su un determinato percorso troverà dei rallentamenti del traffico, un dissesto dell’asfalto, assenza di mezzi pubblici, musei nelle vicinanze. E via dicendo.

polizia
Le tecnologie a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni per il monitoraggio, la raccolta e l’invio di informazioni al cittadino sono molte: dai pannelli a messaggio variabile, ai sistemi che inviano segnali in WiFi a turisti e cittadini, telecamere, sistemi audio per la gestione del traffico, sensori ambientali, lampioni a led dimmerabili a seconda delle condizioni di visibilità. L'offerta tecnologica è ampia.

Il nodo dell'integrazione

La sostenibilità dei nuovi modelli urbani non può però prescindere dall’integrazione delle nuove tecnologie, a garanzia sia dell’efficienza nella gestione dei servizi e delle emergenze, sia del coordinamento tra gli operatori delle forze di sicurezza pubblica e tutti gli attori che partecipano al buon funzionamento della città: chi gestisce i trasporti, chi le utilities, chi le telecomunicazioni, chi gli ospedali, chi le scuole e la Pubblica Amministrazione in genere.

Una safe city “intelligente” integra cioè le tecnologie, le risorse e i processi operativi per favorire la cooperazione tra i soggetti e per permettere di reagire tempestivamente a situazioni sia di emergenza che di routine.

Alberto Bruschi è South Europe Regional Manager di Milestone Systems

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Alberto Bruschi - 22/07/2019

Tag: safe city milestone



Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy