SecurityOpenLab

Ransomware WastedLocker si installa con falsi aggiornamenti

Un nuovo ransomware denominato WastedLocker si installa con falsi aggiornamenti software. Il riscatto va da 500.000 dollari a milioni di dollari.

Il gruppo criminale russo Evil Corp ha aggiunto il ransomware WastedLocker al suo arsenale. La notizia è preoccupante perché Evil Corp è un gruppo con esperienza, che era dietro alla botnet zeuS e alla campagna di attacchi con il trojan bancario Dridex. In passato ha creato un ransomware chiamato BitPaymer e, dopo una riorganizzazione interna, ha dato vita a WastedLocker.

Stando alle informazioni pubblicate dal gruppo Fox-IT di NCC Group, viene impiegato in attacchi mirati contro le imprese. Conoscendo il modus operandi di Evil Corp, verranno colpiti per lo più file server, servizi di database, macchine virtuali e ambienti cloud. Probabilmente l’attacco comporterà la disabilitazione o l’interruzione delle applicazioni di backup e delle relative infrastrutture.
wastedlocker falso aggiornamentoWastedLocker - falso aggiornamento
L’attacco viene scatenato da falsi avvisi di aggiornamento software emessi da siti violati dal gruppo stesso. Il payload che viene scaricato comprende Cobalt Strike e un toolkit di post-sfruttamento che Evil Corp utilizza per ottenere l'accesso al dispositivo infetto.

Una volta avuto l’accesso al dispositivo, come da copione ci sono la compromissione della rete e la distribuzione di WastedLocker. Ci sono dei tratti peculiari dell’attacco. Il primo, controcorrente rispetto Maze a simili, è che chi usa WastedLocker non sembra rubare i dati prima di crittografare i file. Significa che i cyber criminali non intendono usare il meccanismo perverso del doppio riscatto.
wastedlocker file crittografatiWastedLocker - file crittografati
Quello che accade quando il ransomware viene attivato è che tenta di crittografare tutte le unità del computer, saltando file in cartelle specifiche o con determinate estensioni. I file con una dimensione inferiore a 10 byte vengono ignorati. Quelli di grandi dimensioni vengono crittografati in blocchi di 64 MB ciascuno.

Altro tratto distintivo è che l’estensione dei file crittografati è composta combinando la scritta “ewaste” e le iniziali dell’azienda colpita. Per ogni file crittografato, WastedLocker crea una richiesta di riscatto che termina con _info. Le richieste di riscatto degli altri ransomware hanno estensione .txt.
wastedlocker richiesta riscattoWastedLocker - richiesta di riscatto
L’ultima nota dolente riguarda l’ammontare del riscatto: secondo i ricercatori queste richieste vanno da 500.000 dollari a milioni di dollari. Purtroppo al momento non c'è modo di decifrare i file gratuitamente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 24/06/2020

Tag: cyber security ransomware


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore