Università di Roma Tor Vergata colpita da un attacco informatico

L'università di Roma Tor Vergata è alle prese con un attacco informatico. Il Rettore conferma la cifratura di un numero non precisato di dati, Polizia Postale ed esperti sono al lavoro.

Business Vulnerabilità
Non è ufficiale, ma sembra che l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" sia stata vittima di un attacco informatico. A ricostruire l'accaduto è il quotidiano La Repubblica, secondo cui l'intrusione dei sistemi si sarebbe verificato venerdì 4 settembre. I computer coinvolti sarebbero un centinaio, e i cyber criminali sarebbero riusciti a cifrare dati sia in locale sia in cloud.

Sul sito ufficiale non risultano al momento informazioni. Nella sezione degli avvisi, tuttavia, il 4 settembre sono stati notificati "problemi di funzionamento sull'infrastruttura di Ateneo necessaria al collegamento con Teams e Office365 e connettività esterna ancora non risolti". Di lunedì 7 è invece la comunicazione che docenti e studenti "possono impostare/cambiare la password per i servizi Office365 e Teams (credenziali .EU) attraverso la piattaforma Delphi/Totem", a seguito della risoluzione dei problemi di funzionamento sull'infrastruttura di Ateneo.

Se queste comunicazioni siano o meno legate all'attacco informatico non può essere confermato. Certo è che la coincidenza delle date è quantomeno sospetta. Sempre stando a La Repubblica, il rettore Orazio Schillaci ha denunciato l'attacco alla Polizia Postale e ha contattato consulenti di cyber security di alto livello e specialisti di Microsoft a supporto del team interno. 

ransomware

Le indagini sono probabilmente in fase iniziale, perché Schillaci non ha saputo confermare se si sia verificata un'esfiltrazione di dati, e in caso di quali informazioni. Resta il dubbio sull'effettiva natura dell'attacco, perché il Magnifico riferisce che non è stato richiesto un riscatto, il che mette in dubbio l'ipotesi di un ransomware. 

La buona notizia è che l'ateneo disponeva di copie di backup per ripristinare i dati resi inaccessibili. In mancanza di maggiori informazioni è difficile comprendere la reale entità del danno. Tor Vergata, oltre ad essere una delle principali università italiane, è anche un importante centro di ricerca per il COVID-19. Proprio qui sono in corso di svolgimento studi sulle molecole che potrebbero ostacolare la replicazione del virus nelle cellule.   

L'accaduto, insieme a quanto riportato ieri circa l'attacco a un'università britannica, conferma che gli atenei sono fra gli obiettivi principali degli attacchi di hacking. Fa altresì comprendere l'importanza di investimenti in cyber security per una difesa attiva e funzionale degli asset strategici, compresi quelli per la didattica a distanza.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Nov 25
IDC Digital Forum: Multicloud 2020
Nov 26
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori