Applicazioni SAP sotto attacco: occorre intervenire

Un report SAP dettaglia il pericolo di avere applicazioni non protette, anche quando le patch sono disponibili da tempo

Vulnerabilità
SAP e Onapsis hanno reso pubblico un report di threat intelligence secondo cui sono in corso da tempo attacchi automatizzati contro applicazioni SAP non protette. Non si tratta di un picco di attacchi di queste ore: il report riguarda una sequenza di attacchi mirati rilevati da giugno 2020 in poi, sino allo scorso marzo. L'analisi ha rilevato circa 1.500 attacchi portati da una ventina di nazioni diverse. In circa 300 casi, vulnerabilità alle applicazioni SAP sono state usate con successo per penetrare in sistemi IT. Senza però, per quanto se ne sa, causare perdite di dati.

Il senso del report SAP è quindi più che altro mettere in evidenza come siano frequenti gli attacchi mirati in modo specifico verso le applicazioni SAP non protette dalle patch di sicurezza già disponibili. I criminali informatici e le organizzazioni state-sponsored sono a conoscenze delle vulnerabilità in rete e le sfruttano non appena possibile.

Onapsis sottolinea in particolare che alcune vulnerabilità SAP critiche sono state sfruttate anche meno di 72 ore dopo che sono state rese pubbliche (con tanto di patch). E che ci vogliono solo tre ore prima che gli attaccanti scoprano e violino istanze SAP in cloud IaaS se non sono ben configurate e protette da tutte le patch possibili. In alcuni casi, si mette in evidenza, le patch per particolari vulnerabilità critiche sono disponibili da anni.

Il report Onapsis-SAP tratta in particolare attacchi brute-force contro account SAP privilegiati e non messi adeguatamente in sicurezza, più lo sfruttamento di sei vulnerabilità già note e catalogate. Nel dettaglio si tratta di due vulnerabilità legate alle procedure di autorizzazione (CVE-2020-6287, CVE-2020-6207), tre vulnerabilità con possibile escalation dei privilegi (CVE-2018-2380, CVE-2016-3976, CVE-2010-5326), un bug che può portare ad uno stato di Denial-of-Service (CVE-2016-95).

Le patch per tutte queste possibili vulnerabilità esistono già da tempo e sono applicabili dopo un assessment del proprio stato di sicurezza aziendale. SAP sottolinea che i problemi segnalati non interessano le sue applicazioni cloud.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori