Altri 1.500 server Exchange senza patch colpiti da ransomware

Altri 1.500 server senza le patch per gli attacchi ProxyLogon sono stati vittime di attacchi. Questa volta del ransomware Black Kingdom, con richieste di riscatto di 10mila dollari.

Business Vulnerabilità
1.500 server Exchange vulnerabili agli attacchi ProxyLogon sono stati bersagliati da attacchi con il ransomware Black Kingdom. In molti casi i dati sono stati crittografati ed è stato applicato il doppio ricatto. In alcuni la crittografia non è stata eseguita. Il team di threat intelligence di Microsoft 365 Defender ha spiegato che questi attacchi sono iniziati più tardi degli altri, nel periodo compreso tra il 18 e il 20 marzo.

Non è chiaro se la mancata cifratura di alcuni server sia stata causata da problemi tecnici intercorsi durante l'attacco o se sia stata voluta. Può essere stata una tattica per risparmiare tempo, se l'obiettivo era solo l'esfiltrazione delle informazioni. Oppure gli attaccanti hanno cercato di passare inosservati per mantenere l'accesso persistente ai sistemi in vista di potenziali azioni successive.

La certezza è che dove l'operazione è stata condotta "da manuale" le aziende vittima hanno ricevuto una richiesta di riscatto che ammonta al corrispettivo in bitcoin di 10mila dollari. Le vittime sono distribuite in diversi Paesi: Stati Uniti, Russia, Canada, Germania, Austria, Svizzera, Francia, Israele, Regno Unito, Italia, Grecia, Australia e Croazia.
black kingdom post exploitationOltre a fornire il decryptor per tornare in possesso dei dati, i cyber criminali hanno promesso a chi pagherà anche la non divulgazione dei dati rubati durante gli attacchi. È bene tenere presente che non sempre queste promesse vengono mantenute, e che in ogni caso non è mai una buona idea finanziare il cyber crime. In ogni caso la possibilità di un furto di dati è elevata, perché secondo Microsoft gli attaccanti hanno ottenuto pieno accesso ai sistemi.

I precedenti di Black Kingdom


Dato che pochi hanno sentito nominare Black Kingdom, vale al pena ricordare che il suo eseguibile è uno script Python compilato come un eseguibile di Windows. Lo stesso che è stato impiegato a giugno 2020 per attaccare le VPN Pulse Secure.
blackkingdom ransom noteBlack Kingdom è il secondo ransomware di cui si ha notizia che ha attaccato i server Microsoft Exchange senza patch per l'exploit ProxyLogon. Il primo è stato DearCry, la cui azione è partita circa una settimana dopo la pubblicazione delle patch. La buona notizia è che i margini per nuovi attacchi sono ormai ridotti: secondo Microsoft circa il 92% dei 400.000 server Exchange raggiungibili via Internet ha ricevuto le patch ed è al sicuro.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori