Previsioni 2021: attacchi in crescita

Nel primo semestre del 2021 sono aumentati gli attacchi informatici in generale e quelli ransomware in particolare. Le previsioni per la seconda metà dell'anno non confortano.

Business Vulnerabilità
Nella prima metà del 2021 sono aumentati i cyber attacchi a livello globale, ma ancora di più in EMEA. Se le aziende statunitensi hanno fronteggiato una media di 443 attacchi settimanali (+17% rispetto a inizio anno) quelle dell'area EMEA hanno dovuto lottare contro 777 attacchi alla settimana (+36%). Il Vecchio Continente da solo ha registrato un aumento degli attacchi pari al 27 percento.

Sono i dati contenuti nel Cyber Attack Trends: 2021 Mid-Year Report di Check Point Research, secondo cui le percentuali continuano a lievitare per il perdurare della pandemia, che porta gli attaccanti a sfruttare il lavoro da casa. Ad essere bersagliate sono le aziende di tutti i settori, comprese quelle governative, del settore sanitario e le infrastrutture critiche.

Il report certifica anche l'aumento del 93% degli attacchi ransomware in tutto il mondo (rispetto allo stesso periodo del 2020) e l'esordio della tripla estorsione, in cui gli attacchi con doppio riscatto sono arricchiti ulteriormente da attacchi DDoS sincronizzati, che abbattono le reti delle vittime non paganti.
cyber attacks by region
Da annotare anche gli eventi di successo, come l'abbattimento della famigerata botnet Emotet, che però ha scatenato la corsa all'affermazione del suo successore. Sono in lizza Trickbot, Dridex, Qbot e IcedID. Impossibile tralasciare gli attacchi alle supply chain: oltre a SolarWinds ricordiamo Codecov e Kaseya, che hanno avuto rilevanza internazionale.

Previsioni per la seconda metà del 2021


In questo scenario, gli esperti di Check Point Research prevedono che nella seconda metà dell'anno la situazione non andrà migliorando. Il ransomware crescerà, nonostante l'aumento dei controlli e degli investimenti di governi e forze dell'ordine.

L'aumento dell'uso di tool d’accesso come Cobalt Strike e Bloodhound per personalizzare gli attacchi, e l’interesse per i danni collaterali che colpiscono vittime di terze parti, sono un trend allarmante per le aziende, che devono munirsi di una strategia di prevenzione.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Set 30
Webinar Kaspersky - Guai con i ransomware? Volete essere flessibili ma al riparo da attacchi informatici?
Ott 05
VMworld 5-7 ottobre 2021
Ott 12
Webinar Zyxel - Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida"

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori