Auto Tesla bloccate da errori del server

Un banale malfunzionamento dei server basta per far riemergere la paura dei cyber rischi per le auto connesse.

Tecnologie/Scenari

È bastato un malfunzionamento dei server di Tesla per rendere le autovetture della casa automobilistica inaccessibili a molti proprietari. Non si è trattato di un attacco informatico, ma l'accaduto ha permesso di farsi un'idea concreta di quello che potrebbe accadere se dovesse verificarsene uno.

Si parla da tempo del rischio informatico a cui sono soggette le auto connesse. Anni fa, molti esperti di cyber security avevano iniziato a parlare di attacchi alle auto connesse. Alcuni avevano persino sabotato sistemi di infotainment e sensori per dimostrare la semplicità con cui si sarebbe potuto provocare gravi incidenti. Un gruppo dell'Istituto di tecnologia di Atlanta aveva addirittura dimostrato come, con pochi attacchi a vetture mirate, si sarebbe potuto bloccare un'intera città o scatenare il panico.

A Tesla non è accaduto nulla di tutto questo. Ma una sciocchezza ha reso tutto d'un tratto tangibile il rischio. Tutto è legato al fatto che alcune autovetture Tesla si sbloccano solo tramite app. Alcuni proprietari in tutto il mondo si sono trovati di fronte a un "errore 500" e non hanno potuto comunicare con le proprie auto.


Immancabilmente il tamtam su Twitter ha iniziato a farsi sentire da Stati Uniti, Corea del Sud, Australia, Europa. Fra le lamentele anche il fatto che l'app indicava un'errata posizione geolocalizzata dell'auto. Non è ancora chiaro cos'abbia causato il disservizio dei server.

Quello che è chiaro è che un problema IT ha avuto un impatto diretto sulle vetture. È uno dei tanti motivi per i quali ENISA (Eurpean Union Agency for Cybersecurity) aveva acceso i riflettori sulle auto connesse allertando circa la necessità di soluzioni atte a tutelarne la sicurezza informatica. Nel momento in cui un'auto si controlla via app, dispone di sensori IoT connessi e comunica con un server, i rischi sono altissimi. Contestualizzando questi rischi nell'ambito degli attacchi alle supply chain sempre più frequenti, non è difficile comprendere che lo scenario immaginato dai ricercatori di Atlanta non è così distopico, anzi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Controllo degli accessi e degli account

Speciale

Competenze per la cyber security

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Calendario Tutto

Dic 14
#LetsTalkIoT - IoT standards, regulations and best practices

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori