Il multicloud richiede una gestione automatizzata per offrire vantaggi reali

Troppi strumenti e processi manuali sommergono di lavoro i team IT e abbassano la sicurezza delle infrastrutture. Occorre un approccio moderno basato sull’automazione e sull’AI.

Tecnologie/Scenari

Il passaggio al multicloud ha aumentato la complessità di gestione. Tante piattaforme cloud monitorate da un numero eccessivo di soluzioni sommergono i team di dati da analizzare, portando via tempo alle attività importanti e abbassando la visibilità complessiva. Occorre un maggiore utilizzo dell’AI e dell’automazione.

Sono queste le conclusioni a cui approda uno studio condotto da Dynatrace intervistando 1.300 CIO e professionisti IT coinvolti nella gestione delle infrastrutture IT. Il primo dato importante è relativo appunto al multicloud, che riguarda ormai il 99% delle aziende del campione. Sono in media cinque le piattaforme che vengono adottate, fra cui Amazon Web Services, Microsoft Azure, Google Cloud Platform, IBM Red Hat.

È un approccio fondamentale per stare al passo con la rapida accelerazione della trasformazione digitale. Tuttavia comporta anche degli effetti collaterali. Il primo e più importante è che ogni servizio o piattaforma cloud ha la propria soluzione di monitoraggio. La diretta conseguenza è che le aziende usano in media a sette diverse soluzioni di monitoraggio dell’infrastruttura per gestire gli ambienti multicloud.


In questo campo l’abbondanza non è in sinonimo di maggiore efficienza, anzi è tutto l’opposto. Non a caso, il 57% degli intervistati lamenta che questa frammentazione rende difficile ottimizzare le prestazioni dell’infrastruttura e il consumo di risorse. In altri termini, i team che gestiscono l’infrastruttura affogano nei dati nel tentativo di monitorare e gestire gli ambienti, e trascorrono sempre più tempo in attività manuali e di routine.

A questo è da aggiungere che il 61% dei leader IT afferma che i punti ciechi dell’osservabilità nei propri ambienti multicloud stanno aumentando i rischi, dato che i team si trovano sempre più in difficoltà a monitorare la propria infrastruttura end-to-end.

Il risultato dell’attuale approccio al multicloud è quindi una maggiore esposizione al rischio, a fronte di un crescente numero di risorse da mettere in campo (per il 58% degli intervistati) e un maggiore stress per chi ha in carico la gestione dell’infrastruttura. Ricorse che non vengono sfruttate in modo adeguato, dato che quasi la metà (42%) del tempo dei team IT viene sprecato in lavori manuali e di routine necessari per il controllo constante degli ambienti.

La soluzione ovviamente non è abbandonare il multicloud, ma cambiare il modello di gestione abbandonando quello vecchio – che funzionava quando le infrastrutture erano più semplificate – e adottandone uno nuovo, che faccia perno su Intelligenza artificiale e automazione. Solo in questo modo i team IT potranno tornare a concentrarsi sul lavoro strategico e sull’implementazione di servizi nuovi e di alta qualità.

Le operazioni manuali possono essere banalmente gestite da soluzioni automatizzate che sottopongono agli analisti solo le informazioni davvero critiche che necessitano di un’analisi approfondita e dell’expertise umana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter