Microsoft Cyber Signals, nuovo report trimestrale sulla security

La prima edizione del report trimestrale Microsoft Cyber Signals si focalizza sulla gestione delle identità e sull’importanza di una protezione efficace, anche e soprattutto in ottica di prevenzione dal ransomware.

Tecnologie/Scenari

Conoscere le minacce per capire da che cosa difendersi è l’obiettivo della nuova iniziativa di Microsoft Cyber Signals. Consiste in un omonimo report trimestrale con le conclusioni dell’elaborazione dei dati analizzati dalla threat intelligence dell’azienda di Redmond. I report di cyber security, con il medesimo obiettivo, sono una consuetudine per le aziende di sicurezza informatica.

Microsoft è da tempo impegnata sul fronte della security sia con prodotti dedicati come Defender, sia con il l’impegno attivo di contrasto al cybercrime, sia con lo sviluppo di soluzioni hardware avanzate. L’azienda è quindi in possesso di dati e know how per supportare le decisioni dei professionisti della sicurezza, fornendo loro una panoramica delle principali minacce informatiche, delle nuove tendenze e delle tattiche utilizzate dagli attaccanti. Oltre che delle soluzioni che possono essere utilizzate per mitigare i rischi.

Il report non è onnicomprensivo, ma focalizzato di volta in volta su un aspetto peculiare della security. La prima edizione si focalizza sul tema dell'identità digitale. Come ben noto, è su questo fronte che si concentrano gli attacchi indirizzati alle aziende, e oggi sempre più fondati sulla tecnica di colpire l’anello più debole della catena, il dipendente, per arrivare agli asset critici. Per questo motivo Microsoft fa coincidere l’identità digitale con il nuovo perimetro di sicurezza.


Nel 2021, Microsoft Defender for Office 365 ha intercettato e bloccato oltre 35,7 miliardi di email di phishing. Microsoft Defender for Endpoint ha bloccato oltre 9,6 miliardi di malware indirizzati sia alle imprese sia ai consumatori. Nello stesso periodo, Microsoft Azure Active Directory ha rilevato e bloccato oltre 25,6 miliardi di attacchi rivolti al furto di identità sfruttando modalità differenti quali brute force, dictionary attack, spear phishing, impersonation, eccetera.

I numeri non sono una sorpresa in quanto la proporzione dei fenomeni indicati era tratteggiata anche nei report dei tradizionali vendor di sicurezza. Quello che sorprende è che, davanti a questa situazione nota, solo il 20% degli utenti ha adottato misure di protezione dell’identità basate su funzionalità quali conditional access, password protection a multi factor authenticaton. Tutte tecniche ampiamente diffuse e disponibili da tempo.


La cronaca di cyber security evidenzia ogni giorno come questa sottovalutazione del rischio sfoci in azioni dannose come gli attacchi ransomware, che nella maggior parte dei casi sono conseguenti a tre vettori di ingresso principali: gli attacchi brute force al protocollo RDP, le vulnerabilità non corrette e il phishing.

Tutti e tre i vettori, sottolinea Microsoft nel suo report, possono essere mitigati proteggendo le password, gestendo le identità in maniera opportuna e applicando tempestivamente gli aggiornamenti software. Non bisogna infatti dimenticare che il ransomware può propagarsi in una rete quando gli operatori hanno accesso alle credenziali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 03
Exclusive Tech Experience 2022 - Milano
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 08
Exclusive Tech Experience 2022 - Roma

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter