Attacchi al firmware sempre più insidiosi

Gli attacchi al firmware sono spesso sottovalutati ma molto insidiosi, e i responsabili IT iniziano a preoccuparsi per la mancanza di strumenti di visibilità e controllo adeguati.

Vulnerabilità

Si parla troppo poco di attacchi al firmware, che invece sono una preoccupazione sempre più sentita dai responsabili IT. A riaccendere i riflettori su questo problema è una ricerca di HP Wolf Security, da cui emerge che l’80% dei responsabili IT è preoccupato per gli attacchi al firmware. E di questi l'83% li reputa una minaccia significativa.

La questione è esplosa con l’affermazione del lavoro ibrido e la dissoluzione dei perimetri aziendali, ed era altamente preventivabile come confermano a posteriori le previsioni per il 2022 della stessa HP. Ora la maggior parte degli endpoint è più esposto agli attacchi al firmware, da cui è molto difficile difendersi per la mancanza di visibilità e controllo sulla sicurezza di questo componente. Il 67% dei responsabili IT interpellati denuncia che la protezione, il rilevamento e il ripristino da attacchi firmware sono diventati più difficili e richiedono più tempo a causa dell'aumento del lavoro da casa.

Non solo, nella situazione attuale molti lavorano da casa con dispositivi personali, che non sono stati acquistati con una considerazione adeguata della sicurezza. E che sfuggono al controllo dell’IT diventando facili prede per gli attaccanti.


E valutare l’indice di rischio è complesso: secondo il 64% delle aziende la valutazione e l'analisi della sicurezza della configurazione del firmware sono più impegnative e inefficienti. Sono questi gli stessi motivi per i quali agli attaccanti interessa molto questa opzione. Soprattutto ai gruppi APT che hanno ingenti fondi da investire nella realizzazione degli attacchi e hanno necessità di allestire attività persistenti sul lungo periodo.

Un attacco al firmware andato a buon fine può avere conseguenze disastrose: gli attaccanti possono ottenere il controllo degli endpoint, rubare credenziali, compromettere dati sensibili, finanche a distruggere i dispositivi.

La soluzione consigliata da HP Worlf Security è dotarsi di soluzioni di protezione che includano il firmware self-healing, il rilevamento delle violazioni in-memory e il contenimento delle minacce tramite la virtualizzazione. È un’opzione da considerare anche l'intelligence basata su cloud, con funzionalità di ripristino remoto dagli attacchi del firmware.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Set 14
ACRONIS - Imposta correttamente la tua strategia di Disaster Recovery
Ott 20
SAP NOW 2022

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter