Minacce più gravi durante le vacanze: il SOC non è più un’opzione

Una analisi approfondita dei dati di monitoraggio rivela che gli attacchi più insidiosi si verificano nei periodi in cui i team di sicurezza sono più sguarniti.

Business Vulnerabilità

Fra giugno e settembre le principali minacce sono state i login di Microsoft 365 da nazioni sospette (corrispondenti al 40% degli attacchi) e, a seguire, le comunicazioni dalla rete verso noti indirizzi IP pericolosi (15%). Al terzo posto i tentativi di autenticazione utente con attacchi brute force (10%). Sono i dati estrapolati dalla piattaforma XDR di Barracuda e dal suo Security Operations Centre, che colleziona dati provenienti dai clienti e dai partner MSP.

A gennaio 2022 il numero degli allarmi rilevati dalla piattaforma XDR ha raggiunto un picco di 1,4 milioni, prima di crollare bruscamente di quasi tre quarti (71,4%). Analogamente, c’è stato un secondo picco di 1,4 milioni a giugno, seguito da un simile ma più graduale declino fra luglio e agosto.

Se si va oltre e si considera quanti degli allarmi hanno innescato un alert di sicurezza per il cliente in seguito a un'accurata analisi degli esperti di minacce di Barracuda, il quadro cambia. A gennaio, solo l’1,25% degli allarmi, cioè 1 su 80 (17.500), è stato abbastanza serio da giustificare un’allerta di sicurezza per il cliente. Ma spostandosi al periodo compreso tra giugno e settembre, il tasso sale a 1 su 5 (96.428).



In altre parole, questo significa che i cyber attacchi si concentrano maggiormente quando nelle aziende e all’interno dei team di sicurezza scarseggiano le risorse, per esempio nei fine settimana, di notte o durante i periodi di vacanza, come in estate. È un elemento di cui tenere conto in vista delle prossime festività.

Detto questo, il volume, la natura e l’intensità delle cyber minacce rivolte alle organizzazioni varia nel tempo, riflettendo i mutevoli comportamenti degli hacker, ma anche il miglioramento delle metodologie di sicurezza e il perfezionamento dell’intelligence.

Passiamo quindi all’analisi delle maggiori minacce rilevate. I login riusciti a Microsoft 365 provenienti da nazioni sospette ha rappresentato da solo il 40% dei casi totali nel periodo di 90 giorni tra l’inizio di giugno e la fine di settembre. Le nazioni ritenute sospette dai sistemi includono Russia, Cina, Iran e Nigeria. Qualora un attacco del genere andasse a buon fine, l’intruso avrebbe potenzialmente accesso a tutti gli asset connessi e integrati che la vittima conserva nella piattaforma.

Sul fronte delle comunicazioni su un indirizzo IP noto, l’attacco corrispondente al 15% dei casi totali del periodo. Comprende tutti i tentativi di comunicazione malevola da un dispositivo interno alla rete verso un sito web, o server di comando e controllo noto, eccetera. Chiudiamo con il più classico degli attacchi, quello brute force: ha riguardato il 10% dei casi totali. Ricordiamo che si tratta di attacchi automatizzati che cercano di superare le difese di un’azienda semplicemente inserendo il maggior numero possibile di combinazioni di username e password.



La difesa da questi attacchi richiede un rafforzamento delle misure di sicurezza essenziali, come l’abilitazione dell’autenticazione multifattore (MFA) in tutti i sistemi e applicazioni, la presenza di copie di backup per tutti i sistemi critici e la disponibilità di una soluzione di sicurezza che includa la protezione dell’email e l’Endpoint Detection and Response (EDR).

Nevralgici sono inoltre la visibilità sull’intera infrastruttura IT e la presenza di un SOC continuativo (24x7), sia esso interno all’azienda o erogato da un fornitore di servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Speciale Mobile e IoT

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter