▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Affrontare le sfide della resilienza informatica: il cammino dei CISO nell'era moderna

Tutti riconoscono la resilienza informatica ma pochi la raggiungono. Fra i principali ostacoli la mancanza di competenze e la frammentazione.

Tecnologie/Scenari

Negli ambienti digitali sempre più complessi e minacciati, la resilienza informatica è diventata una pietra miliare per la sicurezza delle aziende. Tuttavia, secondo una recente ricerca condotta da Palo Alto Networks e IDC Research, emerge una sfida significativa per i CISO nell'area EMEA e LATAM: solo il 38% di quelli intervistati ritiene maturo il proprio livello di resilienza informatica.

Il report, intitolato "Reevaluating Cyber Resilience: beyond the Illusion of Maturity" rivela che solo il 28% dei CISO testa regolarmente i piani di ripristino, evidenziando una lacuna tra la consapevolezza dell'importanza della resilienza e l'effettiva preparazione a contrastare attacchi cyber. Nonostante il 78% delle aziende riconosca il ruolo cruciale della resilienza informatica nelle strategie digitali, solo il 40% è sicuro della propria capacità di superare un attacco senza subire gravi danni.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Una delle sorprese più significative è la bassa percentuale (21%) di CISO nel settore bancario, dei servizi finanziari e assicurativi che testano regolarmente i piani di ripristino, nonostante la loro elevata regolamentazione. Questo evidenzia la difficoltà che i CISO affrontano nell'equilibrare minacce sempre più sofisticate e una carenza di talenti nel campo della sicurezza.

Le sfide principali, secondo il 70% degli intervistati, sono lo skill gap e la mancanza di competenze tecnologiche emergenti in sicurezza. La mancanza di correlazione tra soluzioni puntuali (52%) è un ulteriore ostacolo. Questi dati sottolineano la necessità di iniziative strategiche e di una riconsiderazione degli strumenti esistenti per migliorare le posture di sicurezza cibernetica. Nonostante la consapevolezza diffusa sull'importanza della resilienza informatica, la frammentazione e la necessità di risorse impediscono spesso l'allineamento tra le aspirazioni delle aziende e la realtà.


La ricerca evidenzia anche differenze geografiche, con l'Arabia Saudita (48%), la Spagna (44%), il Brasile (43%) e la Francia (42%) che indicano la resilienza informatica come una priorità più elevata rispetto all'Italia (36%) e ad altri paesi.

A livello tecnologico, solo l'11% utilizza controlli di cybersecurity maturi per la resilienza informatica, mentre la maggior parte si affida a piani di business continuity (74%), di disaster recovery (72%), di ripristino da ransomware (54%) e strategie di gestione delle crisi (51%).

La ricerca indica un cambiamento culturale in corso, con il coinvolgimento sempre più significativo dei vertici aziendali nella promozione della resilienza informatica. Il 72% degli intervistati ritiene infatti che i membri del consiglio di amministrazione siano il motore principale del cambiamento, superando anche l'attenzione verso gli obblighi normativi (70%). La strada intrapresa sembra quindi positiva, perché è proprio questo l’approccio che permette di affrontare le sfide della resilienza informatica nell'era dei nuovi rischi cibernetici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter