Supporti per il backup: qual è il più adatto

Supporti esterni, soluzioni FTP e cloud backup. Sono queste le opzioni per tenere una copia di sicurezza dei dati. Aruba elenca pro e contro di ciascuna.

Business Consumer Tecnologie/Scenari
Su cloud, su pendrive, su un NAS. Le soluzioni per il backup in commercio abbondano. I tecnici di Aruba approfittano del World Backup Day 2020 per dare qualche indicazione non tanto sulle regole da seguire, quanto sui supporti da usare.

Il messaggio è semplice: pur di non perdere i dati, la copia è lecita su qualsiasi dispositivo: su un supporto fisico come un hardware esterno o una chiavetta USB, su un servizio di rete locale tramite un FTP privato o un secondo computer in rete. Oppure tramite un servizio di backup in cloud, che conservi i dati su server fisici all’interno di data center certificati.
supporti di bachupOgni soluzione ha punti a favore e contrari, per questo è importante la ridondanza delle copie di backup di cui oggi tanto si parla. I supporti fisici sono facili da usare, si scollegano facilmente dalla rete e sono facilmente trasportabili. Per contro, possono essere soggetti a malfunzionamenti, rotture e furti. Per fare che siano efficaci, inoltre, sarebbe buona norma conservarli lontano dalla fonte primaria dei dati, che sia essa il portatile di casa o il desktop dell'ufficio.

Per ridurre i rischi esposti sopra si può optare per il backup FTP. Ossia usando un sistema FTP privato o un secondo dispositivo collegato in rete.  Si riduce al minimo la possibilità di perdere i dati per cause di forza maggiore, ma la presenza in rete della copia di backup costituisce comunque un rischio.

Il massimo della sicurezza è dato dalla combinazione fra backup fisico e cloud cackup. Quest'ultima è l'opzione più flessibile e integrata. Anche perché le numerose proposte online sono tutte scalabili, ossia consentono di ampliare per step lo spazio utilizzato, di pari passo con l'incremento delle informazioni da archiviare.
Tutte le notizie e le interviste sul World Backup Day 2020 in questo speciale
Altro vantaggio è che i file non vengono banalmente copiati, ma sono crittografati prima di essere archiviati. Questo permette di tutelarne la riservatezza anche in caso di data leak. L'operazione avviene in modo automatico e in tempo reale.

Non ultimo, se si sceglie un servizio certificato, i cloud server a cui sono affidati i dati sono protetti da sistemi di disaster recovery. Sono ridondati su siti secondari, così da garantire l'integrità del dato in ogni evenienza. La sottoscrizione dei servizi è immediata, e in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo a causa della pandemia da COVID-19 è una soluzione chiavi in mano anche per i singoli dipendenti, che non possono appoggiarsi all'infrastruttura aziendale per l'archiviazione istantanea.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Set 30
Webinar Kaspersky - Guai con i ransomware? Volete essere flessibili ma al riparo da attacchi informatici?
Ott 05
VMworld 5-7 ottobre 2021
Ott 12
Webinar Zyxel - Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida"

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori