SecurityOpenLab

NTT Ltd per la cyber security degli ospedali in campo contro la pandemia

Aumentano gli attacchi contro gli ospedali, NTT Ltd offre un servizio gratuito di incident response

L'emergenza coronavirus è stata ampiamente sfruttata dai criminali informatici. In molti modi diversi. Lo conferma il Monthly Threat Report di NTT Ltd. Secondo il quale si è registrato un aumento significativo degli attacchi informatici a seguito della pandemia. Gli hacker ostili cercano di sfruttare il panico generato dalla diffusione del virus. Agevolati dal boom dello smart working. Che aiuta le aziende ma le trova, spesso, vulnerabili in quanto a cyber security.

NTT Ltd ha in particolare segnalato una campagna di phishing mirata sull'Italia. Un documento Word creato ad hoc cerca di installare il malware Trickbot. Che estrae informazioni dal PC colpito e cerca poi di colpire gli altri computer o server collegati alla medesima rete.

Tra gli altri attacchi studiati da NTT Ltd troviamo la diffusione di un malware per il furto di informazioni integrato in una falsa app informativa dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Poi e-mail di phishing che offrivano dispositivi medici come mascherine, disinfettante per le mani e tamponi per il coronavirus. Inoltre, sono stati lanciati attacchi di alto profilo contro diversi ospedali, l'OMS e un centro di sperimentazione Covid-19.
Lo Speciale di SecurityOpenLab dedicato alla cyber security durante l'emergenza coronavirus
Gli ospedali sono stati particolarmente colpiti da un'ondata di minacce. Proprio nel momento in cui hanno priorità decisamente diverse dalla cyber security. I ransomware hanno costituito la minaccia principale. Oltre ai tentativi di furto di informazioni finanziarie e delle cartelle cliniche dei pazienti.

Proprio per la tutela degli ospedali in questa fase così difficile, NTT Ltd ha sviluppato una proposta mirata. Offrire agli ospedali che combattono il coronavirus un supporto gratuito di Incident Response per la sicurezza informatica. Qualora dovesse verificarsi un incidente.

Fino a inizio giugno, gli ospedali di varie parti del mondo - tra cui l'Europa - potranno aderire a questa proposta. A seguito di una valutazione, il servizio includerà la distribuzione remota degli strumenti di risposta agli incidenti di NTT. E si concentrerà sul contenimento e sulla remediation dell'attacco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 08/04/2020

Tag: ntt coronavirus incident response


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore