ESET: attacco cyber russo contro l'aeroporto di San Francisco

Ci sarebbe un gruppo di hacker ostili russi dietro la tentata violazione dei sistemi dell'aeroporto di San Francisco

Vulnerabilità
Una settimana fa il San Francisco International Airport ha reso pubblica una violazione dei sistemi che è avvenuta lo scorso marzo. Sono stati in particolare violati due siti - SFOConnect.com e SFOConstruction.com - destinati ai dipendenti dell'aeroporto. Nelle pagine di questi due siti è stato inserito codice ad hoc per catturare le credenziali di login dei malcapitati visitatori. Non però del login ai siti, ma proprio le credenziali per accedere ai loro computer.

Ad essere potenzialmente colpiti sono stati coloro che si sono connessi ai due siti dall'esterno della rete dell'aeroporto. Usando un computer Windows e il browser Internet Explorer. E, sottolinea lo staff IT dell'aeroporto, usando i propri computer personali. Non quelli "gestiti da SFO".

ESET ha dato qualche indicazione in più sull'accaduto. Il codice "malevolo" inserito nei siti violati serviva a rubare le credenziali di Windows di chi vi accedeva. Nel caso di dipendenti dell'aeroporto, queste credenziali si sarebbero potute usare per entrare nei loro PC. E da questi, eseguire uno spostamento laterale sul resto della rete interna. Causando potenzialmente un data breach molto più grave.

eset sfoPer questo l'IT del San Francisco International Airport ha cambiato d'ufficio le credenziali Windows dei dipendenti. Ma l'attacco potrebbe aver coinvolto anche altri visitatori dei siti incriminati. A cui nessuno avrà cambiato le credenziali di login.

Il modus operandi è quello tipico di un gruppo di hacker ostili russi, secondo ESET. Noto come Energetic Bear o anche come DragonFly. Si ritiene che il gruppo, attivo dal 2010, sia collegato al Governo russo. Negli anni ha scatenato attacchi verso aziende e organizzazioni di tutto il mondo. La sua specializzazione è il comparto energia. Ma già da qualche tempo sembra essersi orientato anche verso il settore aerospaziale.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori