80.000 stampanti esposte online mettono a rischio le aziende

80.000 stampanti connesse a Internet hanno la porta IPP esposta e rivelano potenziali aggressori modelli, versioni del firmware, nomi di aziende e persino SSID delle reti Wi-Fi a cui sono connesse.

Business Vulnerabilità
Online ci sono almeno 80.000 stampanti con la porta IPP esposta. Solo in Italia sono 2.000. Quando si parla di dispositivi IoT a rischio pochi pensano alle stampanti di rete. Sono a tutti gli effetti oggetti connessi, spesso senza considerare l'eventualità che possano essere attaccati.

Possono costituire una porta d'ingresso per attaccare la rete aziendale diffondendo backdoor, diventare componenti di una botnet o rivelare a potenziali aggressori importanti informazioni di rete. Per un aggressore è relativamente semplice distribuire exploit per assumere il controllo di questi dispositivi. O banalmente connettersi alla porta esposta se non è richiesta alcuna autenticazione.
ipp top countries with devices exposed 7jun2020Nonostante i rischi noti da tempo, c'è ancora un gran numero di dispositivi esposti online in tutto il mondo. A fare il punto è un report degli esperti di cyber security di Shadowserver Foundation, un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora per sensibilizzare sulla necessità di aumentare la sicurezza informatica.

La relazione è molto dettagliata e include un elenco con marche e modelli che hanno il maggior numero di porte esposte, la loro localizzazione geografica e altri importanti dettagli. Per questa pubblicazione sono stati esaminati quattro miliardi di indirizzi IPv4 instradabili. L'obiettivo era individuare con estrema precisione le stampanti con la porta IPP esposta.

La porta IPP

IPP è acronimo di "Internet Printing Protocol", un protocollo che consente agli utenti di gestire stampanti connesse a Internet e inviare lavori di stampa alle periferiche connesse online. Ironia della sorte, IPP è un protocollo sicuro che supporta funzionalità avanzate fra cui gli elenchi di controllo di accesso, l'autenticazione e le comunicazioni crittografate. Ammesso che chi gestisce i dispositivi faccia buon uso delle suddette funzionalità. A quanto pare questo non accade. 

Secondo Shadowserver ci sono 80.000 stampanti al giorno compatibili IPP esposte, non protette da un firewall e senza controlli di accesso. Un aggressore potrebbe agevolmente eseguire query per entrare in possesso dei dettagli della rete tramite la funzione "Get-Printer-Attributes".
stampanti ippCalcoli alla mano, è esposto circa un ottavo di tutte le stampanti compatibili IPP collegate online. Perché IPP è tanto importante? Questa porta può essere utilizzata per la raccolta di informazioni. Shadowserver è entrata in possesso di informazioni quali nomi delle stampanti, posizioni, modelli, versioni del firmware, nomi delle aziende in cui erano installare e persino nomi delle reti Wi-Fi a cui erano connesse. Se questi dati finissero nelle mani dei cyber criminali potrebbero tornare utili per programmare attacchi futuri.

Inoltre, circa 21.000 stampanti esponevano anche i dettagli di marca e modello (da lì la lista pubblicata dai ricercatori). Tutte queste informazioni nel complesso "rendono molto più facile per gli aggressori individuare e indirizzare vulnerabilità specifiche contro i dispositivi vulnerabili".

Oltre tutto, gli strumenti per l'hacking IPP sono facilmente disponibili online. Strumenti come PRET (Printer Exploitation Toolkit) sono stati utilizzati in passato per stampare da remoto messaggi di propaganda. Lo stesso toolkit potrebbe anche essere utilizzato per azioni decisamente più gravi.

Shadowserver Foundation auspica che il suo report porti a una riduzione del numero di stampanti esposte su Internet.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori