SecurityOpenLab

DDoS contro i service provider più che triplicati

F5 Networks fa il punto sugli attacchi ai danni degli ISP. DDoS sono i più frequenti, seguiti da brute foce, dispositivi compromessi e bot.

In due anni gli attacchi DDoS contro i Service Provider sono più che triplicati. Il dato è di F5 Networks, secondo cui nel 2019 i DDoS sono stati la causa del 77% degli incidenti di sicurezza informatica ai danni degli ISP. Nel 2017 lo stesso dato era pari al 25%.

Gli ISP vengono bersagliati per lo più con attacchi mirati ai DNS, per sfruttare le risorse del service provider per ulteriori attacchi. L'analisi è stata condotta sugli incidenti di sicurezza informatica degli ISP di rete mobile e fissa clienti di F5. Sulla base dei dati relativi all'ultimo triennio, emerge che gli attacchi brute force sono ancora i più numerosi, ma sono in calo. Al loro posto sono subentrati lo sfruttamento dei dispositivi compromessi e gli attacchi di injection.

Questa evoluzione è probabilmente frutto degli sforzi fatti dagli stessi ISP per la difesa delle proprie reti. Per questo, uno dei metodi più efficaci è il denial-of-service. Tende a coinvolgere l’interfaccia del cliente e a prendere di mira il DNS, in particolare con tecniche “reflection” e “water torture”.
ddosIl primo indicatore di un attacco in corso è l’aumento del traffico di rete. Altri campanelli d'allarme sono i reclami dei clienti per la lentezza dei servizi di rete o l’aumento dei tempi di risposta dei server DNS. È di fondamentale importanza saper distinguere velocemente il traffico di rete "normale" dalle variazioni che si verificano durante un attacco. Per farlo è necessario disporre di procedure di logging e di informazioni dettagliate sui servizi di rete come i DNS.

Gli attacchi brute force ai servizi di autenticazione, come detto, sono significativi, ma in calo. Sono la seconda tipologia di attacco più diffuso. Chi li scatena sfrutta spesso credenziali ottenute nel corso di attacchi di credential stuffing. Oppure tentando credenziali predefinite (come admin/admin) e password di uso comune.

La percentuale degli attacchi di questo tipo è passata dal 72% nel 2017 al 20% nel 2019. Sono in crescita solo quelli ai danni del settore finanziario. Anche in questo caso i tempi di rilevamento dell'attacco sono fondamentali. Un aumento dei tentativi di login falliti in un breve periodo di tempo dovrebbe essere subito segnalato e gestito. L'autenticazione a più fattori è una buona prevenzione.
botnet3L'ultima categoria degli attacchi agli ISP riguarda dispositivi compromessi e botnet. Nel primo caso si parla di dispositivi compromessi all'interno dell'infrastruttura del service provider. Il sintomo di un attacco è un incremento del traffico in uscita. Infatti i dispositivi vengono utilizzati per scagliare attacchi denial of service.  Seguono gli attacchi web mediante SQL injection (hanno rappresentato l'8%) e le botnet.

A questo proposito, F5 mette l'accento su un bot di nome Annie, che è una variante di Mirai.  Ha preso di mira i protocolli TR-069 e TR-064 utilizzati dagli ISP per gestire a distanza grandi quantità di router sulla porta 7547. Attacchi di questo tipo sono ancora diffusi e hanno continuato ad intensificarsi nel 2019, soprattutto in Medio Oriente e in America Latina. In Europa la situazione è meno grave perché gli ISP del Vecchio Continente hanno imparato dalla lezione anni fa. Tuttavia i tentativi di aggressione non mancano, bisogna tenere alta la guardia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 27/04/2020

Tag: cyber security iot ddos f5 networks isp brute force


Top trend

CoronaVirus
Ransomware
Phishing
Malware
Botnet
Vulnerabilità
Data Breach
IoT
Cyberwarfare



End of content

No more pages to load

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy

statistiche contatore