Falle nei driver Nvidia, ecco le patch per Windows e Linux

Diverse falle nei driver Nvidia interessano sistemi Windows e Linux. Alcune patch sono già disponibili, altre arriveranno la prossima settimana.

Vulnerabilità
Una serie di vulnerabilità nei driver Nvidia minaccia la sicurezza di sistemi Windows e Linux su cui sono in funzione GPU GeForce, Quadro, NVS e Tesla. Per questo l'azienda ha pubblicato una serie di aggiornamenti di cui è caldeggiata l'installazione. Il quadro delle criticità è riassunto alla pagina del supporto ufficiale, dove si contano sei bug driver con punteggi CVSS compresi tra 5,5 e 7,8.

La prima vulnerabilità, CVE-2020-5962, interessa il pannello di controllo Nvidia. Sfruttandola, un cyber criminale che agisce da locale potrebbe danneggiare i file di sistema, portando a DoS o a un'escalation dei privilegi.

CVE-2020-5963 affligge invece le API di comunicazione tra processi del driver CUDA. Può essere sfruttato per l'esecuzione del codice, un DoS, o la perdita di informazioni. CVE-2020-5964 è invece un errore nel componente host del servizio del driver video. Può portare il sistema a ignorare i controlli di integrità delle risorse, causando potenziali attacchi di code execution, DoS o divulgazione delle informazioni. 
nvidia logo svgQuest'ultima vulnerabilità beneficia già di una patch, così come la CVE-2020-5965, che causa un problema nel driver DirectX 11. In presenza di uno shader appositamente predisposto può causare un accesso out of bounds, che a sua volta causa un denial of service.

Nvidia ha colto l'occasione per risolvere anche la vulnerabilità CVE-2020-5966 che riguarda la modalità kernel del driver di visualizzazione basato su Windows. Anche in questo caso un attacco mirato potrebbe portare all'escalation dei privilegi o a un DoS. Riguarda invece Linux il bug CVE-2020-5967: un errore di race condition potrebbe portare a un denial of service.

Scorrendo la pagina dell'assistenza emergono poi sei vulnerabilità che interessano il plugin vGPU del software Nvidia Virtual GPU Manager, tre bug che causano problemi di convalida delle risorse e altri che potrebbero essere sfruttati per l'esecuzione di codice da remoto, l'escalation dei privilegi e altro.
nvidiaNvidia ha ringraziato i ricercatori che hanno segnalato del falle: Cisco Talos, CyberArk Labs, Secure D Center, Sittikorn Sangrattanapitak e Thomas Carroll. Alcune delle patch sono già disponibili, altre verranno pubblicate la prossima settimana: in questi giorni consigliamo quindi di accettare i suggerimenti per gli aggiornamenti Nvidia.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Nov 25
IDC Digital Forum: Multicloud 2020
Nov 26
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori