Meow attack: database mal configurati cancellati per dispetto

Il cosiddetto meow attack sta facendo piazza pulita dei database mal configurati e liberamente raggiungibili via Internet

Vulnerabilità
Una pura e semplice dimostrazione di forza? La volontà di mettere alla gogna gli sbadati amministratori di database che non proteggono bene i loro dati? Uno scherzo? In questi giorni molti si chiedono cosa ci sia dietro il "meow attack". Un attacco a database liberamente - ed erroneamente - accessibili via Internet che cancella tutti i loro dati. E li sostituisce con testo casuale in cui però appare sempre la parola meow. Da cui, appunto, la denominazione di meow attack.

Il meow attack viene portato avanti, a quanto pare, da una botnet. Anche per questo è molto rapido e distruttivo. Non è però particolarmente sofisticato. I nodi della botnet scandagliano Internet alla ricerca di database che sono stati lasciati liberamente accessibili dall'esterno. Quando un database del genere viene identificato e un nodo rileva che può modificarlo senza che venga richiesta una identificazione, lo elimina. O meglio, sostituisce i suoi dati con testo senza senso.

L'efficacia del meow attack è dimostrata dal numero di database, tipicamente ElasticSearch o MongoDB, che risultano compromessi. Al momento se ne contano quasi 1.500. Ieri erano circa un migliaio. Segno che l'attacco può procedere molto velocemente e che il numero è certamente destinato ad aumentare.
meow attackIl meow attack pare puramente dimostrativo. I dati dei database colpiti non vengono "rubati" ma del tutto cancellati, senza avvisare prima chi li gestisce. Nella maggior parte dei casi si tratta di database configurati male, senza sufficiente protezione. E per questo facilmente attaccabili.

Negli ultimi anni molte aziende sono state interessate da data breach più o meno gravi legati proprio alla cattiva configurazione dei database accessibili via Internet. L'aumento di questi incidenti è proporzionale all'aumento nell'utilizzo di servizi in cloud per la memorizzazione delle informazioni. La cloud security sembra una materia ancora difficile per molte aziende, che di frequente non blindano sufficientemente i database.

Molti dei database coinvolti nel meow attack sono probabilmente database di test o legati ad ambienti per lo sviluppo e il test di nuove applicazioni o servizi. La loro vulnerabilità è comunque preoccupante. Da un lato perché indicano un approccio superficiale alla data security da parte delle entità coinvolte. Dall'altro perché non è scontato che questi database contengano dati "sintetici" per i test. Potrebbero essere veri e propri dati reali di produzione. Liberamente esposti su Internet.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori