Nvidia corregge 26 vulnerabilità delle soluzioni Jetson

Vulnerabilità critiche nei prodotti embedded Nvidia Jetson possono causare l'escalation di privilegi, denial-of-service e divulgazione di informazioni.

Business Vulnerabilità
Nvidia ha pubblicato aggiornamenti software per chiudere 26 vulnerabilità che hanno un impatto sui chip serie SOM (System-on-Module) Jetson. Potrebbero essere abusate dai cyber criminali per l'escalation di privilegi e persino portare a un denial-of-service e alla divulgazione di informazioni.

Le falle sono monitorate con le sigle comprese fra la CVE-2021-34372 e la CVE-2021-34397. I prodotti affetti dai relativi problemi sono quelli Jetson TX1, TX2, TX2 NX, e quelle serie AGX Xavier, Xavier NX e Nano e Nano 2GB. Denominatore comunque è che tutti eseguono versioni Jetson Linux antecedenti alla 32.5.1.

La linea Nvidia Jetson consiste in soluzioni embedded per macchine autonome. Ciascun sistema Jetson è un SOM completo con CPU, GPU, PMIC, DRAM e unità di archiviazione flash. In buona sostanza si tratta di una piattaforma IA per l'automazione, che consente di risparmiare tempo e denaro nello sviluppo software, grazie a un sistema che fornisce prestazioni ed efficienza energetica per eseguire software autonomi più velocemente e con meno requisiti.
nvidia jetson nano module standing 2c50 dSono rivolti principalmente ad applicazioni di visione artificiale basate sull'AI e sistemi autonomi come robot e droni. Tecnicamente i prodotti Jetson sono costituiti da moduli di calcolo Linux AI, computer vision e kit per sviluppatori.

La principale delle vulnerabilità è la CVE-2021-34372, a cui è assegnato un punteggio CVSS di 8.2. Si tratta di un difetto di buffer overflow nel Trusty trusted Execution Environment (TEE), che potrebbe comportare la divulgazione di informazioni, l'escalation dei privilegi e un denial-of-service.

Altre otto vulnerabilità critiche riguardano il danneggiamento della memoria, gli overflow dello stack e i controlli dei limiti mancanti nel TEE, nonché gli overflow dell'heap che interessano il Bootloader. Potrebbero portare all'esecuzione arbitraria del codice, a un denial-of-service e alla divulgazione delle informazioni.

Il resto delle falle, relativi anche a Trusty e Bootloader, potrebbe essere sfruttato per influire sull'esecuzione del codice, causando un denial-of-service e la divulgazione delle informazioni. L'indicazione di Nvidia è di installare le patch con priorità se si utilizza una versione software antecedente alla 32.5.1. È inoltre consigliato l'aggiornamento di Debian.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori