Spionaggio industriale: i dati valgono più di un riscatto elevato

Un attacco informatico studiato da Bitdefender mette in guardia sugli attacchi ibridi: sono sempre più diffusi, e nessuno può ritenersi al sicuro.

Business

Il numero di violazioni della sicurezza causate da exploit che sfruttano le vulnerabilità è raddoppiato nell'ultimo anno e la conferma concreta è in una ricerca condotta da Bitdefender su una sofisticata campagna di spionaggio industriale. La vittima è stata un'azienda tecnologica statunitense, ma questo ha un’importanza secondaria. Quello che conta sono le tattiche e tecniche che gli attaccanti hanno messo in campo per un attacco che si è svolto nell'arco di diversi mesi. Le finalità di tale attacco non sono chiare, ma si può restringere a tre i possibili moventi: ottenere vantaggi competitivi, dato che l’obiettivo primario sembra proprio l’esfiltrazione di dati, causare danni, oppure uan mera speculazione.

Il nocciolo della questione è che sono state sfruttate vulnerabilità note, a partire dal primo ingresso in rete, avvenuto tramite un'istanza del server web ZOHO ManageEngine ADSelfService Plus rivolta a Internet. Tale server era indebolito da una vulnerabilità con criticità di 9.8 su 10 nota e non corretta, tracciata con la sigla CVE-2021-40539. Già sfruttata in passato da diversi attaccanti, fra cui il gruppo ransomware AvosLocker, consente a un criminale informatico di bypassare l'autenticazione ed eseguire codice arbitrario.

Dopo aver fatto ingresso nella rete target, gli attaccanti hanno distribuito una shell web in una directory accessibile da Internet, che hanno poi utilizzato per accedere a un server web da remoto. I cyber criminali hanno quindi messo in campo sia tecniche di scansione delle vulnerabilità, sia quelle per l’esfiltrazione dei dati. Per questo motivo l’attacco è definito ibrido.


E sono proprio gli attacchi ibridi a preoccupare, perché l’evoluzione dello scenario del cybercrime si direziona sempre di più verso il furto dei dati piuttosto che verso la loro distruzione e inaccessibilità – che è lo scenario tipico del ransomware. Il motivo, nemmeno a dirlo, è che i dati sono il nuovo petrolio. Una banalità ripetuta decine di volte, che però ha un fondamento: gli stati nazionali che finanziano i gruppi APT sono interessati ai dati per aumentare la propria competitività o per usarli contro il legittimo proprietario.

Gli attaccanti finanziariamente motivati possono fare profitti ingenti rivendendo credenziali, dati sensibili, accessi a reti target e molto altro. Un cambiamento di scenario che mette a rischio le aziende di qualsiasi dimensione considerate un obiettivo di valore o un percorso verso un obiettivo più grande. Va da sé che quelle maggiormente a rischio operano nei settori manifatturiero, energetico, finanziario. Ma devono guardarsi dal rischio anche i comparti della difesa e gli altri settori critici in generale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter