▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Malware dal cloud in continuo aumento

Soprattutto in Europa cresce la percentuale dei malware diffusi tramite cloud, in primis via OneDrive. Ecco le raccomandazioni di Netskope.

Tecnologie/Scenari

I malware provenienti dal cloud continuano a costituire una delle minacce più serie per le aziende europee. L’allarme è incluso nel Cloud and Threat Report 2024 dei Netskope Threat Labs, relativo al periodo che va dal 1 maggio 2023 al 30 aprile 2024. L’assunto di partenza è ben noto: l’accelerazione nell’adozione del cloud e delle applicazioni SaaS nelle imprese avvenuta lo scorso anno ha ampliato la superficie di attacco e ha contestualmente attirato l’attenzione degli attaccanti, che hanno iniziato a sfruttare queste applicazioni per condurre attacchi informatici, soprattutto con tattiche di social engineering.

Nella maggior parte dei casi, tali attività sono state motivate finanziariamente. La catena di attacco è quella ben nota: una volta ottenuto l’accesso iniziale, gli attaccanti hanno adottato strategie finalizzate all’ottenimento della persistenza, quindi hanno esplorato la rete mediante movimenti laterali, individuato gli asset di maggior valore e avviato ransomware o infostealer per sabotare gli ambienti e/o pubblicare dati sensibili in caso di mancato pagamento del riscatto.


Cloud e malware

Dalle informazioni contenute nel report risulta che il 55% dei download di malware proviene dal cloud, con il 25% distribuito tramite Microsoft OneDrive. Uno dei malware più usati è Guloader, un downloader spesso utilizzato nella fase iniziale degli attacchi per ottenere accesso e distribuire infostealer e trojan nelle fasi successive. Oltre a OneDrive, per la distribuzione del malware sono sfruttati anche SharePoint e Google Drive.

Secondo gli esperti il download di malware da fonti cloud è in aumento, dopo un lieve calo nel 2023, soprattutto in Europa. A titolo preventivo, gli esperti consiglio di adottare soluzioni per l’ispezione del Traffico, l’analisi dei file e di adottare policy di blocco per download e caricamenti da applicazioni non utilizzate all’interno delle aziende. È inoltre consigliabile dotarsi di sistemi IPS per identificare e bloccare traffico malevolo e di tecnologie di isolamento del browser per l’accesso a siti web a rischio.


Netskope poi riserva una parte dell’analisi alle GenAI. Le app di Intelligenza Artificiale generativa, un anno fa praticamente inesistenti in ambito aziendale, sono ora diventate fondamentali, con oltre il 10% degli utenti che vi accede mensilmente. Da una parte le capacità innovative della GenAI in scrittura, programmazione e operazioni di security aumenta l’efficienza dei dipendenti. Dall’altra il loro uso introduce un elemento di rischio che dev’essere prevenuto e gestito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter