Continuano le campagne spam per la diffusione di Formbook

L'infostealer Formbook circola sulle reti italiane già da qualche mese, con campagne malspam in rapida successione

Vulnerabilità
Continuano a susseguirsi le campagne spam per la diffusione del malware Formbook in Italia. Le prime segnalazioni su queste campagne di spam - che hanno adottato nel tempo vari temi, ora quello finanziario - risalgono allo scorso luglio. Le prima campagne spam veicolavano documenti Office che contengono codice VBA malevolo. Se se ne autorizzava l'esecuzione, il codice svolgeva alcune operazioni pericolose tra cui lo scaricamento del malware.

Campagne Formbook successive hanno utilizzato come vettore alcuni file compressi che contenevano un eseguibile malevolo. Ad agosto, poi, una nuova campagna ha utilizzato finte mail provenienti dal corriere DHL per veicolare un downloader - GuLoader - che scaricava poi il malware vero e proprio.

Ora lo Csirt segnala che è in atto una nuova campagna di diffusione. "Per la diffusione del malware gli attaccanti utilizzano email esca contenenti riferimenti a società finanziarie realmente esistenti, al fine di indurre la vittima all’apertura dell’allegato. In particolare, nel messaggio si citano fatture fittizie e ricevute di pagamento", spiega lo Csirt.

La miglior difesa contro Formbook è quella consueta per qualsiasi campagna di spam. Nelle aziende è opportuno aggiornare i software di protezione. Eventualmente implementando gli indicatori di compromissione specifici che anche lo Csirt sta distribuendo. A livello personale, vale sempre il solito consiglio: nel dubbio le mail anomale si cancellano senza aprirle e comunque gli allegati non si considerano.

La pericolosità di Formbook non è elevata in sé e il suo funzionamento appare abbastanza standard. Ma si tratta di un malware comunque insidioso perché le campagne spam per la sua diffusione possono essere create in maniera molto semplice. Ci sono infatti diversi servizi di Malware-as-a-Service che quasi chiunque può utilizzare per avviare una nuova campagna. Di per sé è un infostealer, ossia un malware specializzato nella esfiltrazione di informazioni dal computer infettato. Può ad esempio rubare file o scattare screenshot delle schermate utente.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come custodire al meglio i dati, dal backup in poi

Speciale

L'esigenza di una nuova cyber security

Speciale

Cloud Security: rischi e tecnologie per mettere in sicurezza il cloud

Speciale

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Speciale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Calendario Tutto

Nov 25
IDC Digital Forum: Multicloud 2020
Nov 26
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 03
Dell Technologies Forum Italia 2020
Dic 10
Grande Slam 2020 Digital Edition

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori