Vaccini COVID: cyber attacchi alla catena del freddo

Un gruppo sponsorizzato da uno stato-nazione non meglio precisato ha tentato di attaccare la catena del freddo per il trasporto e lo stoccaggio dei vaccini anti COVID.

Business
La catena del freddo è il prossimo obiettivo del cyber crime legato al COVID-19. Tutte le aziende di sicurezza informatica hanno messo l'accento sul fatto che i cyber criminali avrebbero sfruttato i vaccini anti COVID per diffondere i cyber attacchi. Tutti hanno pensato alle email di phishing e ai tentativi di furto di segreti industriali relativi ai vaccini.

Qualcuno intende arrivare alla catena del freddo. Quella stessa catena di cui parlano i telegiornali di tutto il mondo, indispensabile per conservare il vaccino Pfizer-BioNTech, che deve essere mantenuto a una temperatura di circa -70° C.

L'allarme è stato lanciato dai ricercatori di IBM Security X-Force, che hanno monitorato una campagna in corso da settembre, addebitabile a un gruppo sponsorizzato da uno stato nazione non meglio identificato. Quello da cui guardarsi sono delle email di phishing inviate in sei Paesi, che hanno preso di mira organizzazioni collegate alla Cold Chain Equipment Optimisation Platform (CCEOP) di Gavi, l'alleanza internazionale per i vaccini.

I partner di Gavi includono l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'Unicef e la Bill & Melinda Gates Foundation, che aiutano a distribuire vaccini in tutto il mondo e che sono già stati vittime di attacchi durante il primo lockdown.
covid 19

L'email di phishing


Gli aggressori hanno impersonato un alto dirigente di un'azienda cinese legittimamente coinvolta nella catena del freddo di CCEOP. L'email, diretta alle organizzazioni che fornivano il trasporto, conteneva codice dannoso e chiedeva ai destinatari di inserire le credenziali di accesso delle persone.

In particolare erano chiamati in causa il Directorate General Taxation and Customs Union della Commissione Europera (le dogane), diverse aziende produttrici di pannelli solari, che possono essere impiegati per mantenere i vaccini al freddo in assenza di energia elettrica. Inoltre un'azienda sudcoreana di sviluppo software e una tedesca di sviluppo di siti web, con molti clienti nel settore farmaceutico e delle biotecnologie.

Se le vittime avessero abboccato, i cyber criminali avrebbero potuto tracciare lo schema delle infrastrutture che i governi intendevano utilizzare per la distribuzione dei vaccini. Secondo IBM, è proprio "il targeting e la natura delle organizzazioni prese di mira a indicare che dietro all'attacco c'è un gruppo sponsorizzato da uno Stato-nazione", perché "senza finanziamenti adeguati è improbabile che i cyber-criminali dedichino tempo e risorse a un'operazione così minuziosa."
115430840 vaccine cold chain ukv2 640 nc 2x

Le reazioni


La statunitense Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) ha emesso un avviso con cui esorta a stare in guardia le organizzazioni coinvolte nello stoccaggio e nel trasporto di vaccini. A rimarcare la pericolosità di un attacco come quello ipotizzato è che Max Heinemeyer, Director of Threat Hunting di Darktrace, che ricorda come "attaccare una supply chain sia spesso più facile che puntare direttamente all'obiettivo principale".

Inoltre, "questo particolare sforzo per interrompere la ricerca e lo sviluppo dei vaccini conferma che ormai il confine che separava la catena di approvvigionamento digitale da quella fisica si è quasi del tutto dissolto; oggi gli attacchi possono iniziare nella posta elettronica e arrivare a interrompere la fornitura di un vaccino o di un servizio fondamentale".
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori