Impianti solari a rischio di cyber attacchi, la ricerca di FireEye

Gli esperti di FireEye scovano due vulnerabilità nel gateway usato in alcuni impianti solari residenziali. Avrebbero permesso a un cyber criminale di sferrare cyber attacchi.

Business Vulnerabilità
I dispositivi IoT ampliano la superficie d'attacco e aumentano il rischio di cyber attacchi. È un dato risaputo. Quello che in molti non hanno pensato è che anche gli impianti solari residenziali, se connessi a Internet, sono da considerarsi oggetti IoT, quindi possono comportare gli stessi pericoli.

È il tema del report Shining a Light on SolarCity del Red Team di Mandiant, in cui i ricercatori FireEye hanno analizzato un gateway utilizzato per le installazioni di impianti solari. Hanno scoperto vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate dai cyber criminali.

Il dispositivo in questione è il ConnectPort X2e prodotto da Digi International, azienda con sede negli Stati Uniti che fornisce soluzioni IT, di rete e IoT per applicazioni industriali, aziendali e per le Smart City. Le indagini sono state condotte sulla versione del dispositivo che è impiegata da Tesla con il marchio SolarCity. Ricordiamo che, oltre a produrre auto elettriche, l'azienda di Elon Musk ha acquisito SolarCity nel 2016.
1fig1X2e è un gateway programmabile che si installa fra il solar inverter e il servizio cloud di gestione dell'impianto. Serve per leggere i dati dell'inverter e fornire una connessione alle applicazioni cloud based. È impiegato negli impianti solari residenziali e in quelli per le piccole realtà commerciali.

I tecnici di FireEye hanno condotto un'ispezione fisica del dispositivo e un'analisi delle interfacce di debug. Quindi hanno rimosso lo storage NAND, hanno analizzato il file system e il bootloader. Hanno quindi verificato la fattibilità di attacchi basati sullo sfruttamento di falle hardware e software.

Il tutto ha portato alla scoperta di due vulnerabilità. La prima è stata battezzata CVE-2020-9306 ed è una falla delle credenziali hardcoded. La seconda, CVE-2020-12878, permette l'escalation dei privilegi. Entrambe sono state classificate come ad alta gravità. La buona notizia è che prima di diffondere queste informazioni FireEye ha comunicato i problemi a Tesla e Digi, che li hanno già corretti.
1fig2Prima della correzione, un attaccante con accesso alla rete a cui è connesso il dispositivo avrebbe potuto sfruttarne le vulnerabilità per assumere in remoto il controllo completo. Il motivo, spiegano i ricercatori, è che "gli X2e sono in genere utilizzati per la raccolta dati. Se compromessi, un attaccante potrebbe installare una backdoor sull'X2e e da lì spostarsi lateralmente in una rete, avviare una chiamata a un server remoto per l'accesso persistente o attivare un attacco nella rete della vittima".

Uno scenario, è da chiarire, che vale per qualsiasi dispositivo IoT compromesso collegato a una rete. A meno che il prodotto stesso non sia configurato dietro a un firewall capace di bloccare gli attacchi remoti provenienti da Internet. Maggiori informazioni sono incluse in due documenti pubblici [parte 1 e parte 2].
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori