SecurityOpenLab

Le previsioni di Check Point per la sicurezza nel 2020

Gli esperti di sicurezza di Check Point prevedono che nel 2020 si intensificheranno gli attacchi informatici contro governi, infrastrutture critiche e aziende di alto profilo.

La sicurezza informatica a livello globale nel 2020 sarà minacciata da attacchi mirati a governi e infrastrutture critiche. La spinta sarà costituita dalla guerra commerciale fra USA e Cina e dalle imminenti elezioni statunitensi. Gli esperti parlano senza mezzi di una nuova "guerra fredda" informatica. A spingerla saranno le divergenze fra superpotenze occidentali e orientali, con attacchi informatici  utilizzati come conflitti per procura. I finanziatori saranno infatti le grandi nazioni, che cercano di consolidare ed estendere le proprie sfere di influenza.

Oltre agli attacchi veri e propri ci si deve aspettare anche un'ondata di fake news in relazione alle elezioni USA 2020. La propagazione di notizie false che ha caratterizzato le elezioni del 2016 potrebbe accentuarsi, con le AI che hanno fatto enormi progressi. Si ipotizza che gruppi stranieri stiano già implementando piani per influenzare la prossima tornata elettorale.

cyber trojan virus virus protection attack data 1654734A preoccupare maggiormente, tuttavia, saranno gli attacchi informatici alle utility e alle infrastrutture critiche. Queste ultime continuano ad essere un bersaglio, soprattutto quelle per la distribuzione di energia e acqua. Il motivo è che si appoggiano a tecnologie obsolete quindi più vulnerabili. Il consiglio di Check Point è di rafforzare sensibilmente le difese informatiche di tutte le infrastrutture, per evitare interruzioni dei servizi.

Quanto al tipo di attacchi, gli esperti calcolano un incremento di quelli perpetrati tramite ransomware. Saranno sempre più mirati contro specifiche aziende, enti locali e organizzazioni sanitarie. Gli aggressori non colpiscono a caso, collezionano informazioni per assicurarsi di infliggere il massimo danno. E per assicurarsi che verranno pagati riscatti sempre più salati. Questa tendenza potrebbe spingere sempre più aziende a sottoscrivere polizze assicurative contro i ransomware.

Da non sottovalutare gli attacchi di phishing. L'email resterà il vettore di attacco primario, ma i criminali informatici si serviranno anche di altri mezzi per ingannare le vittime. Bisognerà guardarsi anche dagli attacchi via SMS contro smartphone, dai messaggi sui social media e sulle piattaforme di gioco. Riguardo agli smartphone, Check Point segnala un aumento degli attacchi di malware mobile. Possono essere finalizzati a rubare dati sulle carte di credito, credenziali e fondi dai conti bancari delle vittime.

smartphone protection cell phone cyber security 2765707Gil Shwed, fondatore e CEO di Check Point, spiega che "non possiamo più difenderci utilizzando i tradizionali modelli di sicurezza basati sul rilevamento. Quando rileviamo la minaccia, il danno è già stato fatto. Bisogna bloccare i nuovi attacchi avanzati e impedire loro di interrompere i sistemi su cui si fa affidamento. E utilizzare la sicurezza di quinto livello, che combina prevenzione delle minacce in tempo reale, intelligenza condivisa, protezioni avanzate su tutte le reti, implementazioni cloud e mobili".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Redazione SecurityOpenLab - 29/10/2019

Tag: cyber security malware phishing ransomware



Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo della sicurezza

iscriviti

Redazione | Pubblicità | Contattaci | Copyright

SecurityOpenLab

SecurityOpenLab e' un canale di BitCity,
testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como,
n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via Nuova Valassina, 4 22046 Merone (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 Capitale Sociale Euro 30.000 i.v.

Cookie | Privacy