Green Pass disponibile: il messaggio WhatsApp è una truffa

La Polizia Postale e delle Comunicazioni allerta su un messaggio WhatsApp truffaldino che prospetta la disponibilità del Green Pass, in realtà ruba dati sensibili e finanziari.

Consumer Vulnerabilità
Dopo i contagi e i vaccini, è il Green Pass il nuovo argomento caldo che interessa cittadini e criminali informatici. I cittadini anelano a questa sorta di lasciapassare per potersi godere le vacanze, partecipare a concerti, cerimonie e altro. I cyber criminali perché l'interesse pubblico porta all'imprudenza e agevola i attacchi in tema con tale interesse.

Questo peraltro è un momento ideale per sfruttare l'ansia da Green Pass. Il Ministero della Salute ha avviato la diffusione dei certificati, che è graduale e quindi causa ansia in chi non lo ha ancora avuto. Lo stesso ente peraltro sta valutando se rivedere le regole per il rilascio della certificazione verde, escludendo coloro a cui è stata somministrata solo la prima dose di vaccino.

Tanto materiale su cui i cittadini possono crogiolare lambiccandosi il cervello. E su sui i cyber criminali possono lucrare. A dare l'allarme è la Polizia Postale e delle Comunicazioni, che allerta su un messaggio WhatsApp truffaldino
greenpassIl testo riporta: “In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina".

Cliccando sul link, l’ingenuo utente si collega a una finta pagina istituzionale con numerosi loghi simili agli originali in cui è richiesto l'inserimento dei propri dati personali e/o bancari. Tutte le informazioni finiscono direttamente nelle mani del cyber crime, che le userà a piacimento per truffe, campagne di phishing mirato e altro.

Una truffa facile da sventare

La pagina di destinazione a cui rimanda il messaggio può essere ben fatta, ma non ci sono scuse per cadere in un tranello tanto facilone. Chiunque segua le notizie di attualità dovrebbe sapere che il Green Pass è rilasciato solo tramite le app Io e Immuni, il sito istituzionale www.dgc.gov.it, il Fascicolo sanitario elettronico e presso le farmacie.

Non ci sono altri enti deputati a concederlo, e in nessun modo vengono impiegati WhatsApp e altri canali social. Non esistono scorciatoie, salvo l'acquisto di certificati falsi in palese violazione della legge. Su quest'ultimo punto, occhio a non pubblicare sui social le foto di un autentico green pass: il QR Code può essere usato proprio per confezionare falsi.

In ultimo, per il bene comune chiunque ricevesse messaggi sospetti come quelli oggetto di questa notizia è pregato di segnalati sul portale della Polizia Postale.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori