Phishing nelle app di messaggistica: WhatsApp la più gettonata

I criminali informatici sfruttano sempre di più le app di messaggistica istantanea per diffondere truffe e campagne di phishing fra i consumatori.

Consumer
WhatsApp e Telegram, ma anche Viber e Hagouts, sono diventati canali popolari per il phishing finalizzato alla truffa. L'informazione è stata esfiltrata dai dati anonimi collezionati dall'app Kaspersky Internet Security for Android, che ha conteggiato globalmente 480 casi di phishing al giorno.

Fra i dati interessanti quello che più colpisce è che nel 2020 le app di messaggistica hanno superato i social network del 20% in termini di popolarità tra gli utenti, diventando lo strumento di comunicazione più utilizzato. Questo spiega l'escalation di attacchi ai danni delle app di messaggistica istantanea.

La popolarità di tali app è direttamente proporzionale agli attacchi fraudolenti, ecco perché il maggior numero di link dannosi rilevati tra dicembre 2020 e maggio 2021 è stato inviato tramite WhatsApp (89,6%). Seguono Telegram con il 5,6%, Viber con una percentuale del 4,7% e Hangouts con l'1%.
kaspersky messaggisticaSempre guardando agli utenti di Kaspersky Internet Security for Android, Telegram è risultata essere l’app con il minor numero di rilevamenti, ma quello con la percentuale maggiore in Russia, dove la sua popolarità è in aumento. Sempre in Russia c'è stato il maggior numero di rilevamenti in Viber, con l'89%, seguita dai paesi della CSI, tra cui Ucraina con il 5% e Bielorussia con il 2%. Al contrario, la maggior parte dei rilevamenti di Hangouts proveniva da Stati Uniti (39%) e Francia (39%).

In termini di numero di attacchi di phishing registrati per singolo utente su WhatsApp, il primato è detenuto da Brasile con 177 attacchi e India con 158. Sul fronte dell'analisi geografica, i Paesi che hanno subito il maggior numero di attacchi di phishing sono stati Russia (46%), Brasile (15%) e India (7%). Quanto alle app in esame, nel 2020 il numero totale di utenti a livello globale ammontava a 2,7 miliardi. Secondo una proiezione, da qui al 2023 dovrebbe raggiungere i 3,1 miliardi di utenti, pari al 40% circa della popolazione mondiale.

Come difendersi


Per ridurre il rischio di cadere vittima di queste truffe Kaspersky suggerisce di prestare attenzione agli errori di ortografia o ad altri dettagli inusuali presenti nei link. Di diffidare delle catene, che sono una pratica spesso sfruttata dai truffatori per chiedere di condividere link dannosi con i propri contatti e fare in modo che sembrino sicuri agli occhi di li riceve.

Inoltre, è da tenere presente che i truffatori usano spesso WhatsApp e altri servizi di messaggistica per comunicare con utenti che hanno trovato tramite siti affidabili, come i marketplace e siti di booking. È a loro che inviano messaggi dannosi sfruttando il brand del sito: attenzione a non cadere nel tranello cliccando sui link.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori