Microsoft si riconferma il brand più sfruttato negli attacchi di phishing

Microsoft, DHL e Amazon sono i tre marchi più sfruttati dai criminali informatici per indurre gli utenti a fornire le proprie credenziali.

Vulnerabilità
Anche nel secondo trimestre 2021 Microsoft è al primo posto fra i brand più sfruttati nelle campagne di phishing. Nella classifica del brand phishing di Check Point Software Technologies figurano poi DHL al secondo posto e Amazon al terzo. I nomi non sorprendono, ma per capire le motivazioni della classifica è dovuta qualche spiegazione.

Microsoft in pole position non è una novità: è sul gradino più alto del podio per il terzo trimestre consecutivo. A questo giro, a farle mantenere una posizione di leadership è stata una nuova campagna di phishing da parte del gruppo russo Nobelium. Oltre a questo, sono sempre molte le campagne mirate al furto di credenziali degli account Microsoft, che sono tipicamente aziendali

Un esempio è quello proveniente un indirizzo email no-reply@microsoft[.]com che conteneva l'oggetto “La tua iscrizione è scaduta”. Il corpo del testo conteneva un link alla landing page fraudolenta http://adminsys[.]serveftp[.]com/nensa/fabio/ex/478632215/zer7855/nuns566623, che reindirizzava l'utente a una falsa pagina di login Microsoft. Chi inseriva le proprie credenziali le cedeva in realtà ai criminali informatici.
office phishingQuanto alla società di spedizioni DHL, ha mantenuto la seconda posizione in virtù del continuo successo dell'ecommerce. Terminati i lockdown, sono molti gli utenti che hanno proseguito con gli acquisti online. Tutte persone che sono in attesa della consegna di uno o più pacchi, quindi vulnerabili a messaggi di brand phishing in cui si prospettano problemi di consegna. È così che il 26% di tutti i tentativi di phishing sono collegati a DHL.

Il discorso precedente si adatta perfettamente anche al terzo classificato: Amazon. Nel primo trimestre dell'anno il colosso statunitense dell'ecommerce era stato scavalcato per il brand phishing dal settore bancario. Grazie al Prime Day tuttavia ha riconquistato la sua posizione precedente, quasi certamente a causa dell’impennata di vendite.

Una tipica email di brand phishing che coinvolge Amazon è quella proveniente dall'indirizzo Service@srv[.]androidscrib[.]com con oggetto “Il tuo account Amazon è stato bloccato”. Gli attaccanti cercavano di attirare la vittima a cliccare su un link dannoso, che veniva reindirizzata a una pagina fraudolenta simile al vero sito di login di Amazon. Nel link malevolo, https://habitosdamente[.]com[.]br/wp-admin/includes/logs/update-your-account-information/security-measure/?iyh_re, l’utente doveva inserire il proprio nome utente e la propria password. Anche in questo caso l'obiettivo era il furto di credenziali.
amazon phishing

Dal phishing al ransomware


Come abbiamo ricordato anche in precedenza, le credenziali sono merce molto importante per i criminali informatici. Ci sono gruppi di criminali informatici specializzati nel rastrellare questo tipo di informazioni, per poi rivenderle nel darkweb. Altri gruppi si procurano da sé i dati che gli occorrono per avviare campagne ben più ampie e pericolose.

In tutti i casi, le credenziali rubate servono per perpetrare diversi tipi di reato informatico, dagli attacchi BEC a quelli ransomware, passando per lo spionaggio, il furto di identità e truffe a vario titolo. Omer Dembinsky, Data Research Group Manager di Check Point Software, sottolinea infatti che  “nel secondo trimestre abbiamo assistito a un'impennata globale degli attacchi ransomware che spesso si diffondono inizialmente attraverso e-mail di phishing contenenti allegati dannosi.”

La classifica completa dei brand più sfruttati negli attacchi di phishing include al quarto posto Bestbuy, seguito da Google, LinkedIn, Dropbox, Chase, Apple e Paypal.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori