Impennata dello sfruttamento di exploit zero-day nel 2021

Gruppi ransomware e altri threat actor finanziariamente motivati si sono uniti a gruppi sostenuti dagli stati nazionali nello sfruttamento delle falle senza patch.

Tecnologie/Scenari

Nelle previsioni sulla cyber security è spesso emersa la tendenza da parte degli attaccanti di sfruttare in maniera sempre più massiva le vulnerabilità zero-day prima del rilascio delle patch. Analizzando i dati relativi al 2021, il team di sicurezza Project Zero di Google e gli analisti di Mandiant, in due differenti report, hanno quantificato con precisione questo incremento, che riguarda per lo più i software Microsoft, Google e Apple.

Non è un caso: parliamo dei programmi, piattaforme e sistemi operativi più popolari nelle aziende, il cui abuso può valere la violazione di centinaia o migliaia di reti contemporaneamente. Verrebbe da chiedersi perché lo sfruttamento degli zero-day sia iniziato solo ora. La risposta è un cambio di strategia da parte dei gruppi criminali.

Storicamente i threat actor più prolifici di questi exploit sono stati gli APT, ossia i gruppi sostenuti dagli stati nazionali. Tuttavia, di recente anche i gruppi finanziariamente motivati – in particolare gli operatori ransomware – hanno aumentato drasticamente il proprio uso di zero-day, tanto che ormai un attaccante su tre sfrutta queste vulnerabilità.


Qualche numero

Mandiant ha contato un totale di 80 exploit zero-day sfruttati nel 2021, Google ne ha identificati 58. Il denominatore comune è che tutti sono stati attivamente sfruttati prima che fossero pubblicate le patch. Mandiant calcola che nel 2021 l'incremento dell'uso di tali exploit è stato pari al 167% - nel 2020 il conteggio si era fermato a 30, in linea con quello del 2019.

I 58 exploit zero-day rilevati da Google rappresentavano più del doppio dei 25 che l'azienda stessa aveva osservato nel 2020, che a sua volta era più del doppio del record precedente di 28 zero-day, registrato nel 2015.

Come accennato sopra, le vulnerabilità di Microsoft, Google e Apple hanno rappresentato il 75% degli zero-day sfruttati dagli attaccanti. Secondo Google, 16 dei 58 exploit zero-day conteggiati erano a discapito delle proprie tecnologie, 21 di prodotti Microsoft e 13 di prodotti Apple. Le restanti vulnerabilità riguardavano prodotti di altri nove fornitori, tra cui Qualcomm, Trend Micro, Sonic Wall, Accellion (ora Kiteworks) e Pulse Secure.


Una chiara indicazione

Le informazioni che abbiamo riportato indicano chiaramente che le aziende non possono più ignorare la minaccia concreta e vasta dello sfruttamento delle vulnerabilità zero-day non solo nei prodotti sopra indicati, ma potenzialmente anche in tecnologie meno diffuse. L'espansione dello sfruttamento delle falle zero-day a fornitori minori è ormai una realtà, come già mostrato da quanto accaduto con l'hack di Accellion.

La spinta in questa direzione è stata data dall'incremento di tecnologie cloud, mobile e IoT in azienda, che inevitabilmente comportato un aumento del volume di software utilizzato, e quindi delle falle. A questo si unisce l'aumento del numero dei cosiddetti exploit broker (che rivendono le vulnerabilità zero-day ai gruppi criminali) e i maggiori investimenti in ricerca e sviluppo da parte del cybercrime.

Google non manca di ricordare che oggi il numero di falle zero-day divulgate pubblicamente è in forte ascesa grazie alle migliorate capacità di detection: bypassare i sistemi di sicurezza è sempre più difficile, quindi gli attaccanti optano sempre più spesso per l'uso di vettori di attacco che le tradizionali soluzioni di detection e response non scoprirebbero.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Speciale

Sicurezza IoT, a che punto siamo

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter