Falla in TikTok mette a rischio la privacy

La mancanza di crittografia mette a rischio la privacy degli utenti di TikTok. Video e immagini del profilo possono essere contraffatti.

TikTok è un social network popolare soprattutto fra i giovani. Serve per realizzare video con sincronizzazione labiale. Analogamente a Zoom ha dato priorità alla facilità d'uso piuttosto che alla sicurezza. Questo ha portato all'emergere di un problema di sicurezza non indifferente: consente di ricevere streaming video da server fasulli. O peggio di monitorare gli utenti.

Il problema è piuttosto grossolano: TikTok usa ancora il vecchio protocollo HTTP invece di quello HTTPS. In pratica i dati non cono crittografati. Non è una svista, è voluto perché così facendo i video TikTok si avviano e trasmettono più rapidamente in streaming. Si è trascurato il fatto che questa scelta consente di lo sniffing del traffico di rete. TikTok si affida a un Content Delivery Networks (CDN) per distribuire geograficamente i propri dati. Passando per il protocollo HTTP, basta un server DNS compromesso perché un aggressore possa monitorare o alterare i contenuti.

La vulnerabilità è stata scoperta dai ricercatori di Mysk.co, che hanno pubblicato la demo di un attacco e dimostrato l'entità del danno che si potrebbe causare tramite un exploit. Mostrano come un cyber criminale possa cambiare i video pubblicati dagli utenti di TikTok con altri fasulli.
traffico di rete http utilizzato da tiktokNon solo. Qualsiasi router posizionato tra l'app TikTok e le CDN di TikTok può facilmente elencare tutti i video scaricati e guardati da un utente, esponendo la cronologia di visualizzazione. Gli operatori Wi-Fi pubblici, i provider di servizi Internet e le agenzie di intelligence possono raccogliere questi dati senza troppi sforzi. Allo stesso modo si possono vedere le foto del profilo e catturare l'immagine di anteprima dei video in fase di download.

Non ultimo, un attacco man-in-the-middle può alterare il contenuto. Ad esempio, si possono scambiare le foto del profilo di un account con immagini contraffatte. Oppure l'attaccante può inserire informazioni false in un video associato a una celebrità o a un account fidato.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Set 30
Webinar Kaspersky - Guai con i ransomware? Volete essere flessibili ma al riparo da attacchi informatici?
Ott 05
VMworld 5-7 ottobre 2021
Ott 12
Webinar Zyxel - Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida"

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori