▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

PMI nel mirino dei criminali informatici, serve maggiore protezione

Ritenersi esenti dal rischio di cyber attacchi solo perché si è una realtà produttiva di piccole dimensioni è un grave errore: ecco come stanno le cose.

Business Vulnerabilità

Le Piccole e Medie Imprese devono rafforzare le misure di sicurezza che le proteggono. L’appello è delle Nazioni Unite, secondo cui le PMI costituiscono il 90% di tutte le aziende a livello globale e contribuiscono al 50% del prodotto interno lordo mondiale. I dati, diffusi in occasione della Giornata Internazionale delle PMI, sono un chiaro monito: senza protezione questi poli economici sono a rischio e con loro una parte consistente dell’economia mondiale.

Il problema è che i budget delle PMI sono troppo rosicati per consentire corposi investimenti in cybersecurity. E non è il solo: spesso nelle aziende di questo tipo non c’è nemmeno una figura dedicata alla cybersecurity. Soprattutto, le PMI non si reputano interessanti per i cyber criminali. E invece gli attaccanti sono molto interessanti: come sottolinea il report di Kaspersky Threats to SMB, i criminali informatici continuano a colpire le PMI con una serie di tecniche sofisticate.

Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Il numero dei dipendenti delle PMI che si imbatte in malware o software indesiderati, camuffati da applicazioni aziendali legittime, è stato stabile negli ultimi due anni (2.478 nel 2023 rispetto a 2.572 nel 2022), il che significa che i criminali informatici persistono nell’attaccare queste realtà produttive con una grande varietà di metodi, tra cui l’exploit delle vulnerabilità, le email di phishing, i messaggi di testo ingannevoli e persino link YouTube che portano a siti malevoli. L'obiettivo è sempre accedere a dati sensibili.


Secondo i calcoli di Kaspersky, gli exploit sono stati la minaccia più diffusa, con il 63% di rilevamenti nei primi cinque mesi dell’anno. Si tratta di programmi malevoli che sfruttano le vulnerabilità dei software per eseguire i malware, fare escalation dei privilegi e altro. La difesa più efficace contro questo tipo di attacchi è l’installazione tempestiva delle patch non appena vengono diffuse.

Il secondo rischio significativo per le PMI è costituito da phishing e scam, che fanno leva sul social engineering e sulla scarsa formazione di cybersecurity dei dipendenti. Campagne email e stratagemmi vari spingono i dipendenti ad abboccare a esche più o meno credibili come le false pagine di servizi bancari, di spedizione e di credito. Le protezioni automatiche per le email, per gli endpoint e per le credenziali possono essere di grande aiuto, ma non funzioneranno senza un’adeguata formazione a tutto il personale.

Il report di Kaspersky pone l’attenzione anche su un metodo spesso utilizzato per infiltrarsi negli smartphone dei dipendenti, chiamato "smishing", combinazione di SMS e phishing. In questo tipo di attacchi le vittime ricevono un messaggio di testo tramite SMS, WhatsApp, Facebook Messenger, WeChat e altro, contenente un link malevolo. Se l’utente seleziona il link scarica del codice malevolo. Anche in questo caso la formazione gioca un ruolo fondamentale, perché conoscere questo tipo di rischio è il primo passo per riconoscere un potenziale attacco e non darvi corso. Chiudiamo ricordando che per rimediare ai budget risicati, le PMI possono rivolgersi agli MSSP per un servizio gestito scalabile e modulabile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Rimani sempre aggiornato, seguici su Google News! Seguici

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter