Bug di sicurezza WebLogic: installate le patch!

Oracle esorta a installare le patch pubblicate il 14 aprile. Correggono vulnerabilità di WebLogic che i cyber criminali stanno già tentando di sfruttare.

Business Vulnerabilità
Oracle sollecita le aziende che gestiscono server WebLogic a installare le patch pubblicate a metà aprile. Il motivo è che sono stati registrati tentativi di sfruttare la falla CVE-2020-2883. WebLogic è un server middleware molto popolare che si interpone tra un'applicazione di front end e il database. In sintesi, reindirizza le richieste degli utenti e restituisce i dati. Online ci sono decine di migliaia di server attivi.

In assenza della patch, un cyber criminale può inviare un payload dannoso a un server WebLogic sfruttando il protocollo T3 proprietario. Quando il server riceve i dati e li decomprime, esegue un codice dannoso che consente all'attaccante di assumere il controllo dei sistemi.
oracle weblogicSubito dopo la pubblicazione su GitHub del codice proof-of-concept sono iniziati gli attacchi. Oracle ha corretto il bug il 14 aprile. La vulnerabilità CVE-2020-2883 è pericolosa, tanto che nella scala di gravità CVSSv3 ha ricevuto un punteggio di 9,8 su 10.

Secondo Oracle non è necessaria alcuna autenticazione o interazione da parte dell'utente per sfruttare questa falla. Ecco perché CVE-2020-2883 è un candidato ideale per l'impiego di strumenti di attacco automatizzati basati su bot.

Oracle segnala che ci sono stati anche tentativi di sfruttamento di altre vulnerabilità. Tutte sono state corrette il mese scorso, ecco il motivo per il quale è indispensabile provvedere tempestivamente all'installazione delle patch.

Da annotare che negli ultimi anni i criminali informatici hanno dimostrato più volte di essere molto interessati alle vulnerabilità di WebLogic e al loro sfruttamento. Ci sono stati molti casi di dirottamento dei server WebLogic per minare criptovalute o per violare le reti aziendali e installare ransomware.

La vulnerabilità oggetto di questa notizia ha tutte le premesse per diventare una delle falle di WebLogic più sfruttate dai cyber criminali, insieme a CVE-2019-2729, CVE-2019-2725, CVE-2018-2893, CVE-2018-2628 e CVE-2017-10271.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Antimalware nel 2020: parola d'ordine Intelligenza Artificiale

Sicurezza delle infrastrutture critiche nel 21mo secolo

Speciale

Coronavirus e sicurezza: proteggersi dal contagio digitale

Speciale

World Backup Day 2020: i consigli per tenere al sicuro i dati

Speciale

Soluzioni anti intrusione per la casa e l'ufficio

Calendario Tutto

Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori