I peggiori attacchi informatici del 2020

SolarWinds non è stato l'unico attacco devastante del 2020. Ci sono almeno altri quattro episodi degni di nota: Estée Lauder, Pakistan, MGM e Microsoft. Ecco che cos'è successo.

Business Vulnerabilità
Il 2020 è stato caratterizzato da una intensa attività criminale che ha portato a un aumento notevole degli attacchi informatici. Complice la pandemia e il conseguente cambio di abitudini, con lo smart working e l'ampliamento della superficie d'attacco, i cyber criminali hanno trovato terreno fertile per ampliare il raggio d'azione. A prescindere dalla modalità attuativa, lo scopo è sempre il furto di dati, che sono il nuovo petrolio.

Che si tratti di account da rivendere nel dark web, di informazioni sensibili sottratte con attacchi ransowmare e pubblicate online, o frutto di configurazione errate  dei database, sono sempre i dati al centro dell'interesse del cyber crime, così come di aziende e organizzazioni. Oltre tutto, la pressione della pandemia ha messo in grande difficoltà il settore scolastico e la sanità, entrambi fortemente presi di mira dagli attacchi informatici.

Questo non significa che gli altri settori siano stati al sicuro. Dalle catene alberghiere ai gestori di servizi mobili, passando per fornitori di software e aziende di trasporti, nel 2020 nessun settore, azienda o individuo è stato al riparo dagli attacchi informatici.

L'azienda israeliana Odix ha stilato una top 5 degli attacchi informatici del 2020, che per dati sottratti o per ampiezza dell'azione si sono rivelati più gravi degli altri. Ecco il riepilogo.
mgm

Estée Lauder


Il 30 gennaio 2020 un ricercatore per la sicurezza si è accorto che l'azienda di cosmetici Estée Lauder è stata vittima di un massiccio attacco ai record di 440.336.852 utenti, a causa di errori di sicurezza del middleware. Gli addetti sono immediatamente corsi ai ripari per limitare l'accesso al database violato, ma nel frattempo sono rimaste esposte le informazioni sensibili degli utenti, fra le quali i dettagli di pagamento e le email private.

L'esperto di sicurezza ha poi rivelato che il database conteneva di tutto, e che il pericolo di questa esposizione è stato il fatto che il middleware può creare un percorso secondario per il malware, attraverso il quale applicazioni e dati possono essere compromessi.
Le violazioni dei dati più devastanti del 21° secolo hanno interessato milioni di utenti. Ecco quelle più gravi della memoria recente.

Server Elasticsearch Microsoft

Questo è il classico caso di un errore di configurazione che ha portato a una perdita di dati impressionante. Il 22 gennaio 2020 Microsoft ha rivelato di aver scoperto una serie di regole di sicurezza mal configurate in un database aziendale interno utilizzato per l'analisi. Non avrebbe dovuto essere accessibile al di fuori dell’azienda, invece ha lasciato esposti 250 milioni di record. Le informazioni comprendevano indirizzi email, indirizzi IP e dettagli del supporto.

Pakistan

Un cyber criminale ha messo in vendita 115 milioni di record appartenenti a 44 milioni di utenti mobili pakistani, chiedendo una contropartita di 2,1 milioni di dollari in bitcoin. Il bottino proveniva da un database che comprendeva informazioni di identificazione personale e relative alla telefonia, sia di utenti privati che business.
pakistan   copia

MGM Resorts

A febbraio 2020 MGM ha ammesso di aver subito una violazione della sicurezza informatica, a seguito della quale sono finiti in vendita online i record di 142 milioni di ospiti. Si ritiene che la violazione ai sistemi informatici di MGM sia avvenuta nell'estate del 2019, ma il prolema è emerso soltanto nel 2020.

SolarWinds e Fire Eye

Si è parlato a lungo di questo attacco e se ne parlerà ancora per molto tempo. Si è trattato di uno degli attacchi più gravi della storia informatica, perché ha preso di mira la supply chain di Solar Winds, azienda con milioni di clienti in tutto il mondo, anche nel settore della cyber security. Le stime al momento parlano del coinvolgimento di 18.000 aziende vittime, ma le cifre sono solo provvisorie. Fra le vittime si contano FireEye, Microsoft, Cisco, Intel, Nvidia, VMware. Un attacco frontale alla supply chain della tecnologia che rischia di minare la fiducia dei clienti verso l'intero settore.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale sicurezza mobile

Speciale

Proteggere il nuovo smart working

Speciale

Sicurezza cloud native

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Speciale video sorveglianza

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter

contatori