FIN7 evolve il set di strumenti e rifornisce gruppi ransomware

Un nuovo studio mette nuova luce sulle attività del gruppo FIN7, che a quanto pare sta evolvendo i propri strumenti e collaborando con gruppi ransomware.

Tecnologie/Scenari

Il gruppo FIN7, noto anche come Carbanak Group, continua a evolvere gli strumenti impiegati per gli attacchi e agisce da fornitore di diversi gruppi ransomware. Parliamo di un threat actor attivo almeno dal 2015, finanziariamente motivato e di lingua russa, che si è sempre fatto notare per il kit di tattiche e strumenti diversificati che sviluppa e mette in campo, dai malware personalizzati alle backdoor.

Da tempo è monitorato da Mandiant, che ha pubblicato un nuovo report tecnico dettagliato sulle attività di FIN7 nel periodo che intercorre fra la fine del 2021 e l'inizio del 2022. La ricerca è stata possibile grazie all’analisi di nuovi campioni di malware collezionati da una serie di intrusioni informatiche, da cui è emerso che sono almeno otto i gruppi precedentemente tracciati ma senza nome che sono riconducibili proprio a FIN7.

Il sospetto è maturato con l’analisi di una backdoor PowerShell nota come PowerPlant. FIN7 ha continuato a sfruttare PowerShell durante le sue intrusioni, in particolare la backdoor PowerPlant è in sviluppo da due anni. I ricercatori di Mandiant hanno identificato numeri di release vanno dalla 0.012 alla 0.028. PowerPlant è stata impiegata in diverse violazioni, mostrando di possedere funzionalità inedite e aggiuntive che venivano distribuite addirittura mentre l’operazione era in corso di svolgimento.


I ricercatori hanno inoltre identificato nuove versioni del downloader BirdWatch anch’esso in fase di sviluppo, ora tracciate come Crowview e Fowlgaze. Sempre secondo i ricercatori, le tecniche di accesso iniziale di FIN7 si sono diversificate e ora includono la compromissione delle supply chain software e l'uso di credenziali rubate, oltre alle tradizionali tecniche di phishing. È inoltre stato appurato che nelle intrusioni più recenti FIN7 ha utilizzato PowerPlant come malware di prima fase invece dei malware precedentemente impiegati Loadout e / o Griffon.

Un dato importante è che Mandiant ha rilevato sovrapposizioni tecniche con altri gruppi nelle attività di estorsione finalizzata al furto di dati o di distribuzione di ransomware, che fanno intuire che nel tempo gli operatori di FIN7 si sono associati con vari gruppi ransomware.

L’attezione quindi è focalizzata su PowerPlant. Finora i ricercatori hanno appurato che durante il deployment recupera diversi moduli dal server C2, con combinazioni che variano a seconda della necessità. Due dei moduli più comunemente distribuiti sono Easylook e Boatlaunch, disponibili sia in versione da 32 bit che da 64 bit. La prima è un’utility di ricognizione che FIN7 ha utilizzato per almeno due anni per acquisire dettagli quali le informazioni sulla rete target e configurazioni hardware, nomi utente, chiavi di registro, versioni del sistema operativo, dati di dominio, eccetera, dei sistemi ad essa connessi.

Boatlaunch è invece un modulo helper che modifica i processi PowerShell sui sistemi compromessi con una sequenza di istruzioni a 5 byte che si traduce in un bypass AMSI (antimalware scan interface), lo strumento integrato di Microsoft che aiuta a rilevare l'esecuzione dannosa di PowerShell. Significa che Boatlaunch serve per disattivarlo in modo che l’attacco possa proseguire indisturbato.

Un altro nuovo sviluppo è l'evoluzione del downloader Birdwatch, che ora ha due varianti, denominate Crowview e Fowlgaze. Entrambe le varianti sono basate su .NET, ma contrariamente a Birdwatch, presentano funzionalità di autoeliminazione, sono dotate di payload incorporati e supportano argomenti aggiuntivi.

Come Birdwatch, queste nuove varianti supportano il recupero di payload su HTTP e svolgono operazioni di ricognizione di base che indicano agli operatori in remoto quali processi vengono eseguiti sul sistema, qual è la configurazione di rete e quale browser Web viene utilizzato.

La commistione con i gruppi ransomware

Come accennato, una scoperta interessante di Mandiant è il coinvolgimento di FIN7 con vari gruppi ransomware. Nello specifico, gli analisti hanno trovato prove di intrusioni FIN7 rilevate proprio prima di incidenti ransomware ad opera di Maze, Ryuk, Darkside e BlackCat. Non solo: alcune prove confermano che FIN7 ha avuto un ruolo in alcune delle operazioni di Darkside.


#fin

Lo studio prosegue, così come il monitoraggio. Sarà importante determinare se FIN7 offra ai gruppi ransomware solo l'accesso iniziale alle reti target, o se operi come affiliato mettendo in campo i propri mezzi. Nello studio sono presenti anche gli Indicatori di Compromissione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter