LinkedIn è il brand più imitato negli attacchi di phishing

La popolarità dei social e la specializzazione verticale di LinkedIn sui professionisti, lo rendono il marchio più abusato per le campagne di spear phishing.

Business Vulnerabilità

Dopo Microsoft e DHL, ora è LinkedIn il brand più gettonato dagli autori di campagne di phishing. L'allerta è dei ricercatori di sicurezza informatica di Check Point Research, secondo cui la brand impersonation di LinkedIn rappresenta ora oltre il 52% degli incidenti di phishing a livello globale. L'impennata dello sfruttamento del marchio del social network è avvenuta nel primo trimestre di quest'anno.

Perché LinkedIn

È importante conoscere i motivi di questo cambiamento, perché sono indicativi delle politiche di attacco adottate dai cyber criminali. Per trovare una risposta occorre legare un insieme di elementi. Primo fra tutti, il dato di fatto che il phishing sui social media è in aumento.

Banalmente, l'acquisizione di account delle piattaforme social apre una serie di possibilità pratiche per gli attaccanti, che possono abusare degli account social per eseguire attacchi di spear phishing altamente efficaci. Nel caso di LinkedIn, che è una piattaforma social incentrata sui professionisti, gli attaccanti probabilmente mirano a eseguire attacchi di spear phishing su obiettivi ad alto interesse, dipendenti di aziende e organizzazioni già individuate come target.


Un altro potenziale scenario di sfruttamento è la condivisione di documenti malevoli mascherati da offerte di lavoro a obiettivi specifici. Analogamente al phishing tradizionale, basta aprire il documento per attivare macro dannose. Ancora, i threat actor possono pubblicare link a siti che ospitano malware, o inviare spyware direttamente agli utenti, che si fidano dei propri contatti.

Un altro elemento è che inizialmente gli APT della Corea del Nord hanno sfruttato LinkedIn per lanciare diverse campagne di spear-phishing, rilevandone l'efficacia. Il guaio, secondo Check Point, è che questa tattica non è più esclusiva di gruppi APT.

Gli altri brand di cui non fidarsi ciecamente

Nel Q1 Brand Phishing Report di CPR emerge inoltre che il secondo marchio più imitato è DHL, che a fine 2021 era il marchio più abusato. È interessante notare che sommando le percentuali di abuso di DHL, FedEx, Maersk e Ali Express (tutte aziende che si occupano di consegna e movimentazione di merci), i messaggi di phishing relativi alle spedizioni hanno rappresentato il 21,8% nei primi tre mesi del 2022.

Terza e quarta posizione spettano a Google (7%) e Microsoft (6%), la quota di WhatsApp, che è al sesto posto, è invece poco significativa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di SecurityOpenLab.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Threat Intelligence

Speciale

Cloud Security

Speciale

Cybertech Europe 2022

Speciale

Backup e protezione dei dati

Speciale

Cyber security: dentro o fuori?

Calendario Tutto

Ott 12
Business Continuity in IperConvergenza per l’Edge e la PMI
Ott 18
IT CON 2022 - Milano
Ott 19
IDC Future of Data 2022
Ott 20
SAP NOW 2022
Ott 20
Dell Technologies Forum 2022
Ott 20
IT CON 2022 - Roma
Nov 08
Red Hat Summit Connect - Roma
Nov 30
Red Hat Open Source Day - Milano

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter